Magazine Mercoledì 1 marzo 2006

Segnali di Fumetto

Nelle immagini: Mafalda, I Peanuts e Snoopy
© www.snoopy.com
Peter Pan era il bambino che non voleva crescere. Si rifugiava sull’isola che non c’è, assieme ad Edoardo Bennato, Robin Williams e tanti altri perché non voleva diventare adulto. Ma cosa succede se invece i bambini sembrano adulti? Cosa succede se sono loro gli eroi delle strisce? Nessuna calzamaglia, nessun superpotere. Solo loro e il mondo.

Mafalda ad esempio, la figlia di penna dell’argentino Quino (Joaquin Savador Lavado) è la contestataria per antonomasia, il grillo parlante che - con i suoi occhi enormi e dall'alto di capelli due taglie più grandi - urla che il re è nudo, condanna con una semplicità disarmante. Charlie Brown e i Peanuts sono invece bambini in un mondo senza adulti, nel quale i problemi sono tutti sulle loro spalle. Lottano per farsi accettare, sono incompresi, disperati ed umanissimi. Li si ama perché ci somigliano e perché, anche loro, facendoci ridere e con una malinconia bella come quella delle canzoni di De Andrè ci raccontano come siamo.

La vita editoriale di Mafalda è durata dieci intensissimi anni, dal 1964 al 1973, ed è terminata al culmine della sua carriera, come se, ad un certo punto corresse il rischio di passare dall’altre parte della barricata perdendo la sua cinica innocenza. Le sono bastati dieci anni di strisce taglienti per raccontare della società, dei rapporti con la famiglia, della politica e dei nostri difetti. Ogni vignetta è una visione sociale che si conclude con una sferzata, una dichiarazione che smuove, anche a 30 anni di distanza.
Leggo le strisce di Quino e ci trovo satira sulla guerra, sugli abusi, sui pericoli della mancanza di cultura, leggo di egoismi e ipocrisie, di arroganza e fobie, scoprendo un affresco spesso talmente attuale che più che sembrare un quadro di quello che si era sembra un’istantanea di quello che si è. Scoprendolo si ride, ma mica tanto.

Così come Mafalda anche i bambini figli di Charles M. Schulz sono lo specchio delle debolezze degli adulti che non comprendono ma che, assenti sulle striscie, interpretano benissimo.
I Peanuts, nati il 2 ottobre 1950, sono i fratelli maggiori della spettinata argentina. Hanno le fobie e le manie di un Woody Allen a fumetti. Charlie è imbranato nello sport, sfortunato con la sua amata Bambina dai capelli Rossi e i suoi amici non sono da meno. Linus è ossessionato dalla sua coperta e dal Grande Cocomero, Piperita Patty è innamorata ma non corrisposta, mentre Lucy, sorella di Linus, pazza di Shroeder il pianista, gode a far capottare Charlie ad ogni partita di Footaball.

Tra i Peanuts il solo eroe sempre uguale a se stesso è , un sognatore dalla personalità dissociata, il solo vero bambino in un mondo di bambini adulti. Sogna di essere un eroe della guerra, un figo della scuola, un campione dello sport ed è l'unico che si comporta da bambino comune, diviso tra la voglia di cambiare il mondo e quella di fare merenda.

Consigli per gli acquisti:
Se non avete mai letto, visto, sentito o incontrato i Peanuts o Mafalda, benvenuti sul pianeta Terra, spero veniate in pace.
Dopo aver cambiato i vostri Astro-dollari, provate a fare un salto in edicola, in una fiera - ce n’è una giusto questo fine settimana Genova Comics, 17° Mostra Mercato del Fumetto Usato e da Collezione, sabato 4 e domenica 5 Marzo 2006 - dalle 10 alle 19 alla Fiera Internazionale Di Genova (Piazzale Kennedy, 1)- o in una libreria e immergetevi nel loro mondo. Le storie di Charlie Brown e Mafalda costano poco, durano più di una seduta da una psicologo e vi conoscono meglio di voi stessi. Volete un consiglio? Regalateli alla vostra bambina dai capelli rossi, l’amore per lei di Charlie è secondo solo a quello di Dante per Beatrice. Per chiudere, quando pensate a noi, fatelo partendo dal punto di vista di Mafalda che, presa dalla sconforto ha detto: Ma perché con tanti mondi evoluti, io sono proprio dovuta nascere in questo?

Buona Lettura!
di Francesco Cascione

Potrebbe interessarti anche: , Rosso Barocco, «l'arte può diventare una passione pericolosa»: l'ultimo noir dei fratelli Morini , Superman, a fumetti la storia dei suoi creatori: eroi del quotidiano con il dono di saper far sognare , Il segreto del mercante di zaffiri di Dinah Jefferies, una drammatica storia romantica , Maurizio De Giovanni, Il purgatorio dell’angelo: tempo di confessioni per il commissario Ricciardi , SenzOmbra di Michele Monteleone, un racconto per ragazzi che piace anche ai grandi

Oggi al cinema

The End? L'inferno fuori Di Daniele Misischia Thriller 2017 Claudio è un importante uomo d'affari, cinico e narcisista. Una mattina, dopo essere rimasto imbottigliato nel traffico delle strade di Roma, arriva finalmente in ufficio nonostante il notevole ritardo, ma rimane bloccato da solo in ascensore a... Guarda la scheda del film