Magazine Lunedì 20 febbraio 2006

Il ritorno di Siluro

Magazine - Meno di un mese fa vi abbiamo proposto in anteprima per il web la pubblicazione dell'estratto concentrato de .
Ricordate? La fanzine genovese degli anni '80.
Bene, perchè tra gli scrittori delle diciassette prefazioni al volumetto c'era anche quella di un amico di mentelocale.it: Giovanni Villani.
Per chi non ha potuto leggerla, eccola qui bella e pronta per voi.


Belin, Johnny, ma si fa così?
Non è che Ti sei ispirato ai bigliettini moleskine di Provenzano? Almeno per quanto riguarda la perentorietà, mi par proprio di sì...
E allora che faccio?
Garibaldinamente, Obbedisco!
D’altra parte hai ragione, la nostra missione siluriana non è ancora terminata…
E poi si lasciano le Sporche Azioni a metà? Non sia mai!
E poi con tutta la rumenta che sta debordando da ogni dove…
Seriamente... e già mi scappa da ridere..., ma tant’è sento la vocina..." dai Barbaz, (che ero – sono ancora io?) almeno provaci...".
Così tiro innanz col buonanima risorgimentale Amatore Sciesa.

Mi tocca aprire il Dizionario Ragionato Italiano D’Anna, Firenze 1988 e, a pag. 1395, leggo alla voce prefazione: "Scritto che in un libro precede il testo e ne presenta le caratteristiche" e mi sento subito quasi male.
Applicare la dotta definizione a Il Siluro (s maiuscola) d’europa (e minuscola) - il giornale d’informazione demenziale" (traduco per i non di madrelingua francese)?
D’istinto mi verrebbe da dire (e allora lo dico...) che ancora oggi ha più ricchezza grafica e segnica di qualsiasi pubblicazione in edicola, più carica ironica e arguzia delle cosiddette trasmissioni satiriche Rai – Mediaset messe insieme, ma – e qui arrischiamo un po’, sennò che gusto ci sarebbe… - più autorevolezza della maggior parte dei quotidiani d’opinione italiana.

Qualche spiegazione il/logica?
Secondo me, l’innovazione applicata, idee e tante in movimento a ellissi non controllabili, un Mondo aperto davanti... Basta?
No, a mio avviso, c’era la voglia di stupire, ma prima di tutto di stupirsi.
Oggi chi stupisce e/o ha voglia di stupirsi più, in un ambiente umano pianificato e appianato?
Un limite, un merito o un caso astrale e fortunatissimo, caduto sul Pianeta Terra tra i carruggi della città di Genova?
Ragazzi, dopo 25 (venticinque) anni non riesco ancora a capirlo... ma non abbiatevene a male... passerò i prossimi 25 (venticinque) per risolvere l’arcano e sarà mia cura comunicarvelo immediatamente dopo.

Belin, ho come un’allucinazione... sento un complesso di sciamannati cantare/suonare Rosa Shocking, lì su due assi in piazza De Ferrari, mi vedo vendere lì davanti, badges di Siouxsie, dei Pistols & Damned, comprati a London England, per ammortizzare il viaggio A/R, ho un ciuffo blu... ragazzi... forse non mi sento tanto bene... vabbè ciao...

Punk Forever!

Giovanni Villani

di Annamaria Giuliani

Potrebbe interessarti anche: , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin , MiniVip&SuperVip. Il Mistero del Viavai di Bozzetto: il cinema si fa fumetto , Il segreto del faraone nero, una nuova stoccata letteraria di Marco Buticchi , Auguri Andrea Camilleri! Lo scrittore compie 93 anni, la recensione del Metodo Catalanotti

Oggi al cinema

Soldado Di Stefano Sollima Azione U.S.A., Italia, 2018 Nella guerra alla droga non ci sono regole. La lotta della CIA al narcotraffico fra Messico e Stati Uniti si è inasprita da quando i cartelli della droga hanno iniziato a infiltrare terroristi oltre il confine americano. Per combattere i narcos l’agente... Guarda la scheda del film