Magazine Lunedì 20 febbraio 2006

Il ritorno di Siluro

Magazine - Meno di un mese fa vi abbiamo proposto in anteprima per il web la pubblicazione dell'estratto concentrato de .
Ricordate? La fanzine genovese degli anni '80.
Bene, perchè tra gli scrittori delle diciassette prefazioni al volumetto c'era anche quella di un amico di mentelocale.it: Giovanni Villani.
Per chi non ha potuto leggerla, eccola qui bella e pronta per voi.


Belin, Johnny, ma si fa così?
Non è che Ti sei ispirato ai bigliettini moleskine di Provenzano? Almeno per quanto riguarda la perentorietà, mi par proprio di sì...
E allora che faccio?
Garibaldinamente, Obbedisco!
D’altra parte hai ragione, la nostra missione siluriana non è ancora terminata…
E poi si lasciano le Sporche Azioni a metà? Non sia mai!
E poi con tutta la rumenta che sta debordando da ogni dove…
Seriamente... e già mi scappa da ridere..., ma tant’è sento la vocina..." dai Barbaz, (che ero – sono ancora io?) almeno provaci...".
Così tiro innanz col buonanima risorgimentale Amatore Sciesa.

Mi tocca aprire il Dizionario Ragionato Italiano D’Anna, Firenze 1988 e, a pag. 1395, leggo alla voce prefazione: "Scritto che in un libro precede il testo e ne presenta le caratteristiche" e mi sento subito quasi male.
Applicare la dotta definizione a Il Siluro (s maiuscola) d’europa (e minuscola) - il giornale d’informazione demenziale" (traduco per i non di madrelingua francese)?
D’istinto mi verrebbe da dire (e allora lo dico...) che ancora oggi ha più ricchezza grafica e segnica di qualsiasi pubblicazione in edicola, più carica ironica e arguzia delle cosiddette trasmissioni satiriche Rai – Mediaset messe insieme, ma – e qui arrischiamo un po’, sennò che gusto ci sarebbe… - più autorevolezza della maggior parte dei quotidiani d’opinione italiana.

Qualche spiegazione il/logica?
Secondo me, l’innovazione applicata, idee e tante in movimento a ellissi non controllabili, un Mondo aperto davanti... Basta?
No, a mio avviso, c’era la voglia di stupire, ma prima di tutto di stupirsi.
Oggi chi stupisce e/o ha voglia di stupirsi più, in un ambiente umano pianificato e appianato?
Un limite, un merito o un caso astrale e fortunatissimo, caduto sul Pianeta Terra tra i carruggi della città di Genova?
Ragazzi, dopo 25 (venticinque) anni non riesco ancora a capirlo... ma non abbiatevene a male... passerò i prossimi 25 (venticinque) per risolvere l’arcano e sarà mia cura comunicarvelo immediatamente dopo.

Belin, ho come un’allucinazione... sento un complesso di sciamannati cantare/suonare Rosa Shocking, lì su due assi in piazza De Ferrari, mi vedo vendere lì davanti, badges di Siouxsie, dei Pistols & Damned, comprati a London England, per ammortizzare il viaggio A/R, ho un ciuffo blu... ragazzi... forse non mi sento tanto bene... vabbè ciao...

Punk Forever!

Giovanni Villani

di Annamaria Giuliani

Potrebbe interessarti anche: , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin