Magazine Giovedì 16 febbraio 2006

Segnali di Fumetto

Nelle immagini alcune immagini di Robin nelle varie fasi
© www.dccomics.com
Diventare un comprimario di una serie a fumetti non è mai una scelta felice e poco importa se tutti ti chiamano ragazzo meraviglia. Se poi sei il partner di un eroe misogino sospettato di omosessualità, con chiari problemi psicologici, e se il tuo nome tradotto letteralmente è Pettirosso, le cose non possono che peggiorare.
Sul perché Bruce Wayne, che nei bat-panni è nero come la notte, abbia scelto per il suo partner il verde, il giallo e il rosso è un mistero. Probabilmente a lui piace nascondersi e avere un bersaglio accanto aiuta. Sarà per questo che insiste ancora dopo tre fallimenti e un morto?

Robin è il lato luminoso di Bruce Wayne - perennemente in lutto per l'assassinio dei suoi genitori - ed è un personaggio che cambia di continuo. Un caso unico. È come se Tex avesse avuto 4 Kit Carson o come se l’assistente di Dylan Dog non fosse solo Groucho ma anche Harpo, Chico, Zeppo e Grumo assieme a Gianni e Pinotto. Il comprimario caratterizza il protagonista, se cambia lui, è un casino. È come se Emilio Fede non dirigesse il TG4. Non sarebbe la più stessa cosa...

Il primo Robin ha una controparte in carne e ossa nella serie Tv anni Sessanta, con Adam West, e nei pessimi terzo e quarto capitolo della saga cinematografica.
Assomiglia moltissimo all’eroe incappucciato della DC.
Dick Grayson è infatti il figlio orfano di due trapezisti. Bruce Wayne lo incontra, lo adotta e lo addestra. I due sono come padre e figlio con conflitto incluso, tanto che a un certo punto Robin diventa Nightwing lasciando Batman solo e inconsolabile.
Il secondo Robin, Jason Todd, anche lui orfano, vive di espedienti e conquista Batman rubando le bat-ruote alla bat-mobile. È impulsivo, una testa calda e soprattutto risulta antipatico ai lettori che, attraverso un referendum, in un momento di grandi dubbi sui gusti sessuali di Batman, decidono di eliminarlo.
Così in tempi in cui Zapatero e i PACS erano realtà lontane dal macho mondo dei fumetto, in Una Morte in famiglia, si consuma l’efferato delitto. Robin fugge alla ricerca di sua madre. Quando la trova, viene consegnato al Joker che, dopo averlo violentato (così si racconta in Arkam Asyluma, altro cult della bat serie), lo finisce a randellate ed esplosivo.

Il lutto cambia radicalmente il vigilante incappucciato e i suoi comprimari. Il terzo Robin infatti, Tim Drake, è orfano, ma solo da parte di madre. Ha carattere, è indipendente e coraggioso, e si guadagna i galloni entrando direttamente nella Bat-Caverna.
È il Robin degli anni Novanta, teenager esperto di computer, e che viene pensionato da un padre che, scoperto il suo segreto, non vuole vederlo in giro con mantello e calzamaglia.
Il Numero 3 viene rimpiazzato da una ragazza (la sua!) che però non supera il bat-esame e viene licenziata dopo poco più di un mese di pratica.

Nella bat-continuity l’ultimo Robin è in quel capolavoro che è il Ritorno del Cavaliere Oscuro sceneggiato e disegnato Frank - Sin City - Miller. Il Robin di domani è una ragazzina che un vecchio e disilluso Bruce Wayne adotta, addestra ed ama trasformandola in un’Heidi capace di fare una faccia così ai cattivi.

Attualmente il costume verde e rosso è stato ripreso da Tim Drake ma tutto potrebbe cambiare da un momento all'altro.
Se siete interessati presentatevi con mutandoni e mantello alla porta del noto miliardario. Lo stipendio non è garantito e il futuro è incerto. E ricordate, nella notte più nera, voi sarete quelli visibili!
In bocca al lupo.

Consigli per gli acquisti:
Una Morte in Famiglia, Arkam Asylum e Il Ritorno del Cavaliere Oscuro. Dei tre il più facile da rintracciare è il primo, disponibile nelle librerie specializzate a 12 Eu. Il Ritorno è stato pubblicato recentemente nella Serie Oro di a 7.90 Eu. L'edizione più elegante potrebbe superare i trenta. Se siete solo curiosi, optate per il risparmio, c’è sempre tempo per cominciare una collezione di pregio.
Arkham Asylum invece è pressoché esaurito ma spesso appare a prezzi abbordabili su . Trovarlo a 20 euro, è un vero affare. La lettura di un fumetto valido e disegnato ad acquerelli vale la spesa.

Batman e i suoi comprimari sono personaggi , e sono pubblicati in Italia dalla .
di Francesco Cascione

Potrebbe interessarti anche: , Rosso Barocco, «l'arte può diventare una passione pericolosa»: l'ultimo noir dei fratelli Morini , Superman, a fumetti la storia dei suoi creatori: eroi del quotidiano con il dono di saper far sognare , Il segreto del mercante di zaffiri di Dinah Jefferies, una drammatica storia romantica , Maurizio De Giovanni, Il purgatorio dell’angelo: tempo di confessioni per il commissario Ricciardi , SenzOmbra di Michele Monteleone, un racconto per ragazzi che piace anche ai grandi

Oggi al cinema

Crazy & Rich Di Jon M. Chu Commedia, Romantico U.S.A., 2018 La newyorkese Rachel Chu accompagna il suo fidanzato di lunga data Nick Young al matrimonio del suo migliore amico a Singapore. Emozionata perché visiterà l’Asia per la prima volta, ma nervosa perché conoscerà la famiglia... Guarda la scheda del film