Magazine Mercoledì 8 febbraio 2006

Segnali di fumetto

Magazine - Invadono edicole, librerie, fiere e rete. Sono immagini e parole, sono letteratura o cazzeggio. Forse è l’ora di imparare a conoscerli.
Tanti. Numerosissimi nel formato e nel contenuto. Ce ne sono d’autore e di massa, di italiani, francesi, inglesi, americani e giapponesi. Sono numerosi come i formaggi d’oltralpe e uniscono, moltiplicano e dividono milioni di appassionati nel mondo.

Ovviamente stiamo parlando dei fumetti, parola con cui spesso si racconta un genere con una marea di sfumature. È un po’ come se, parlando di cinema, unissimo Lars Von Trier, Wim Wenders, Tim Burton e i fratelli Vanzina sotto la voce film. Sarebbe un po’ troppo generico, che dite?

E così, armato di penna, inchiostro e calamaio eccomi pronto a raccontarvi un universo tanto bello e tanto vario che va da Corto Maltese a Paperino e ritorno.
Quello che sta per cominciare è un viaggio nella fantasia. Per portare i profani il più vicino possibile al mondo dei balloons e per far comprendere a quelli che hanno sempre visto il proprio padre appassionarsi a Diabolik o Tex quale sia il fascino della scoperta mensile, quanto sia inebriante il profumo della carta stampata. O perché, ancora, molti si ostinino a comprare fumetti aprendoli poi con un angolo di 15 o 20 gradi, mentre altri arrivano a spendere un patrimonio per storie che hanno letto da piccoli e che lasceranno sigillate.

Parleremo di albi provandoli direttamente sulla mia pelle, sono sempre stato un temerario. Ovviamente ci saranno curiosità, suggerimenti e sconsigli. Il resto verrà, magari, da suggerimenti, critiche e appunti di viaggio. E proprio per chi viaggia, consiglieremo fumetti in itinere da comprare in stazione e da consumare accanto ad un finestrino.

L’obiettivo è quello di farvi tornare in cantina, di farvi viaggiare per Genova tra negozi e bancarelle perché non sapevate che, di Robin, Batman ne ha avuti quattro; che almeno uno è stato ucciso dai lettori; che l’Uomo Ragno ha quasi avuto una figlia e un gemello, e che Dylan Dog è morto almeno due volte.

Il tutto porterà ad un vero e proprio vademecum per evitare di dire, guardando un fumetto: «Non mi interessa, una volta ne ho letto uno».

di Francesco Cascione

Potrebbe interessarti anche: , Il gusto di uccidere, la Svezia di Hanna Lindberg. L'intervista , Il gioco del suggeritore di Donato Carrisi: intrigante favola nera in bilico tra reale e virtuale , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani

Oggi al cinema

Alita Angelo della battaglia Di Robert Rodriguez Fantastico 2019 Un budget da 200 milioni di dollari, un coproduttore come James Cameron, qui anche cosceneggiatore, un regista cult come Robert Rodriguez e un manga ancor più cult: Alita - Angelo della battaglia del fumettista giapponese Yukito Kishiro.... Guarda la scheda del film