Magazine Sabato 17 febbraio 2001

Land art

Magazine - Eccomi di nuovo a parlarvi del Signor Ribi, quello del tappo, tanto per intenderci (Leggi l'articolo ). Le sue imprese meritavano più di un articolo.
Quando sono stato da lui per meglio comprendere lo scopo e le applicazioni della sua invenzione mi ha regalato un libro, Land Art of Ribì. Più tardi l’ho letto con cura. Il contenuto era sorprendente e così sono tornato a trovarlo.
Prima di creare con sua moglie una nota azienda vinicola (e poi il tappo) Ribi è stato pittore e scultore di successo, soprattutto in Svizzera e Stati Uniti. Durante uno dei suoi viaggi in America propose qualcosa di veramente particolare all’Art Found, una società che si occupava di fare da tramite tra artisti e alcune grosse aziende disposte a sponsorizzare i lavori più ambiziosi e originali.
L’idea di Ribi apparteneva a quest'ultima categoria: colorare paesaggi naturali.

Quando dico colorare non voglio dire dare due pennellate ad una roccia stile graffito, ma disegnare qualcosa su migliaia di metri quadrati di parete, deserto, prateria.
Non preoccupatevi per l'ambiente: Ribi - da bravo ecologista - non ha mai impiegato vernici sintetiche, ma solo ed esclusivamente tinte a base d’acqua completamente biodegradabili. Anzi, alcune avevano addirittura proprietà concimanti.
Su un lago ghiacciato, per esempio, è stata utilizzata una vernice che arricchiva l’ambiente di composti benefici per la vita dei pesci.
Sorgerà subito un dubbio: ma se la vernice è biodegradabile, non si dissolverà tutto in pochi giorni? È proprio così.

Ribi mi spiega prontamente. “È il gesto della creazione che è importante. Anche se non rimane qualcosa di concretissimo, non mi interessa. Al limite c’è la testimonianza fotografica. Come per la vicenda del tappo: il mio maggiore orgoglio è aver inventato il tappo più economico e funzionale per ora in commercio. L’idea sta avendo successo, e porta innegabili vantaggi economici, ma non è questo che mi ha spinto fino in fondo.
Land Art è nato con una simile filosofia.”
Vi starete chiedendo come sia stato possibile fare qualcosa dei così ambizioso e complesso. “La Philip Morris e la casa produttrice delle vernici hanno sponsorizzato il lavoro che ha richiesto un anno un mezzo. Abbiamo viaggiato un bel po’: Sud Africa, Patagonia, Brasile, Stati Uniti”.
Il personale doveva colorare le pareti con enormi aerografi. Per la prateria è stato usato un sistema di irrigazione particolare.
Da vicino non si riesce a vedere nulla di insolito. Allontanandosi è invece possibile intuire la maestosità del progetto.

Ribi non ha a breve termine altri progetti del genere. “Non mi interessa calcare la mano su un certo argomento. Una volta che ho ottenuto quello che volevo preferisco cambiare pagina e sperimentare qualcosa di nuovo: come con l’azienda vinicola e il tappo. È andata bene e spero di chiudere presto questo capitolo. Sento che qualche altra idea sta già arrivando”.

Il libro è stato pubblicato un bel po’ di tempo fa. Se avete fortuna potrete trovarlo in qualche libreria: Land Art of Ribì, Ages Publishers, 1979.


Un paio di immagini tratte dal libro:
Sopra: intervento con colore su una prateria palustre in prossimità di Xingu, Brasile, 1978. L’area è 2000x300 metri
Sotto: questa volta su una parete rocciosa nel Natal in Sud Africa, 1978. Il disegno misura 300x60 metri

di Francesco Tomasinelli

Potrebbe interessarti anche: , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin

Oggi al cinema

Se son rose Di Leonardo Pieraccioni Commedia Italia, 2018 Cosa succederebbe se qualcuno mandasse di nascosto alle tue ex dal tuo cellulare: "Sono cambiato. Riproviamoci!"..? È quello che accade a Leonardo Giustini giornalista che si occupa di tecnologia e innovazione per il web. Sua figlia, stanca di vedere... Guarda la scheda del film