Galata: un museo vivo - Magazine

Mostre Magazine Mercoledì 8 febbraio 2006

Galata: un museo vivo

Nella foto: la nuova Sala congressi del Galata;
in basso: il terrazzo con vista sui tetti di Genova

Magazine - Novità al Porto Antico: il si rinnova per adeguarsi alle esigenze del suo pubblico, fatto di adulti e bambini, di genovesi e turisti. «Un museo in evoluzione nelle strutture, nelle attività e nei servizi», spiega Nicola Costa, consigliere delegato di Costa Edutainment per Galata.
Gli spazi che nel 2004, anno in cui il museo è stato inaugurato, erano solo un grande cantiere, sono oggi pronti ad accogliere i visitatori: c’è la nuova Sala Polivalente che, con i suoi 350 posti a sedere, ospiterà riunioni e conferenze. Nasce anche un ristorante gestito da Votre chef e, a partire dalla prossima primavera, dal grande terrazzo si godrà di una vista davvero affascinante sui tetti di Genova: da non perdere. Tre le sale disponibili: oltre alla Vespucci e alla Terrazza Da Verrazzano, la Loggia sarà la stanza adibita a riunioni di lavoro, ma con quella vista sulla hall del museo e sul porticciolo… non sarà certo facile concentrarsi!

Al piano inferiore, anche il bookshop del museo ha cambiato aspetto: «Non più solo libreria, ma una vera e propria biblioteca del mare». In un allestimento rinnovato, i visitatori e il pubblico esterno potranno consultare gratuitamente i testi della biblioteca del Galata, riviste marittime e di nautica, e partecipare alla presentazione di novità editoriali legate al tema del mare.
Il Galata come luogo di incontro, ma anche un centro di cultura dove imparare divertendosi: dal settembre 2005 è attiva la Sala didattica, nata in collaborazione con e curata da Lorena Fazzari: «Tante le attività che partiranno nei prossimi mesi», spiega Lorena, «tra le iniziative, Prova la vela permetterà ai ragazzi di imparare, dal primo marzo al 18 giugno, i primi rudimenti della navigazione a vela». In collaborazione con il Centro Velico Interforze di Pegli, i bambini (a partire dagli 8 anni) ma anche gli adulti sperimenteranno l’uscita in mare a bordo di imbarcazioni di altura. Due le attività previste: un percorso che va da Pegli fino al Galata (26 Euro a persona) ed uno, più breve, lungo il Porto Antico (13 Euro).
Intanto nella Sala didattica un gruppo di operatrici lavora la pasta di sale in attesa dei giovani ospiti: «Laboratori, approfondimenti, cacce al tesoro e, il sabato, la domenica e nei giorni festivi, babysitteraggio». Per informazioni chiamate il numero 010 2345655 o scrivete all’indirizzo .
Ma gli studenti saranno anche coinvolti in esperienze teatrali: «I ragazzi saranno i protagonisti di spettacoli che andranno in scena proprio negli spazi del museo». Poi il Galata si sposterà nelle scuole scegliendo i disegni degli studenti di elementari e superiori per allestire una mostra.

Interessante anche la collaborazione con Palazzo del Principe: un biglietto congiunto e, dal primo marzo, un’attività che prevede l’ingresso al Galata e la partecipazione al percorso tematico Storia della navigazione a remi dall’antichità al 1500. E ancora, un percorso via mare sulla Fregata Argo, partendo dal Porto Antico – con tappa al Galata - fino a Palazzo del Principe (12 Euro il prezzo del biglietto per gli adulti e 8 Euro per i bambini).
Il Galata diventerà anche un museo interattivo: i nuovi allestimenti racconteranno la vita nelle galee: “Il rancio è servito” permetterà di percepire l’odore del cibo di cui si nutrivano i marinai; “Fuoco!” simulerà lo sparo di un cannone grazie ad un gioco di luci; e “Sono forzato o ufficiale” sarà un gioco di travestimenti.
Novità anche per le visite guidate, il cui costo sarà compreso in quello del biglietto: “il giovedì dei genovesi” sarà dedicato a chi già conosce e vive la città (la visita guidata è alle 16. Il primo appuntamento è previsto per il 9 febbraio e costa 7 Euro per gli adulti e 3 Euro per i bambini e i ragazzi). La domenica sarà dedicata ai turisti (alle 14.30). Il martedì alle 16, invece, sarà il curatore del museo a guidare i visitatori in una visita tematica.

Fra i molti progetti, quello di un collegamento tra l’Acquario e Galata con il trenino “Pippo”. E poi il tour su un battello che collegherà i due musei via mare (la gita in battello è già prenotabile; per informazioni: 010 2345322).
Da non dimenticare le mostre che avranno luogo da qui al 2008: «Una sarà legata alla figura di Cristofoto Colombo», spiega , presidente di , il grande polo museale genovese che accomuna il Galata, il , il Museo Navale di Pegli e la Commenda di Prè, «in cantiere c'è anche una grande mostra sull’emigrazione e una sul porto di Genova».

Potrebbe interessarti anche: , Ad Ascona la mostra tematica Arte e Perturbante , Biennale di Venezia 2017: Viva arte Viva. Da Roberto Cuoghi a Damien Hirst , Lucca Comics 2016: Da Zerocalcare a Gipi, fino ai Cosplay , Anime nere: la Calabria tra letteratura e cinema , Addio a Mario Dondero, fotografo del '900 più vero