Magazine Sabato 17 febbraio 2001

Claudia Salvatori delitto per delitto

Si è svolto venerdì 16 febbraio, presso la libreria Feltrinelli di Via XX Settembre, un incontro a tre sul tema Dove va il giallo italiano?. Promotore dell’evento è stato, nella persona di Giancarlo Giraud, il Club Amici del Cinema, per presentare la rassegna Febbre Gialla. I migliori film gialli del 2000. Ospiti e animatori dell’incontro sono stati Claudia Salvatori, genovese, autrice di Sublime anima di donna, appena uscito da Marco Tropea Editore, e Luca Crovi, autore del saggio Delitti di carta nostra. Una storia del giallo italiano per i tipi di Editrice Punto Zero.

Spunto di partenza per una discussione sul giallo italiano è il momento felice che sta attraversando il genere negli ultimi anni, con il successo di autori emergenti come Lucarelli e Fois, il “caso” Camilleri e, soprattutto, il proliferare di fumetti come Nick Rider, Martin Mystere, Julia e, soprattutto, Dylan Dog.

Non a caso Crovi è collaboratore della Sergio Bonelli Editore e la Salvatori è stata per anni sceneggiatrice di fumetti (anche della Disney)

“Ho cominciato a fare fumetti a 24 anni. Non ho seguito l’iter classico dell’intellettuale italiano: laurea, carriera giornalistica o accademica. Poi ho scritto un thriller erotico molto hard (che diventerà un film per la regia di Maria Martinelli. Le riprese dovrebbero cominciare a marzo). Ora scrivo storie che potrebbero ascriversi al feuilletton ottocentesco”

Del resto, concordano Crovi e la Salvatori, al fumetto (e soprattutto a Tiziano Sclavi, col suo Dylan Dog) va ascritto il merito di aver riportato in auge il genere gotico, che in Italia aveva avuto fortuna a fine ottocento, nel periodo della Scapigliatura.

Spiega Claudia Salvatori
“Se ci fossero stati scrittori in grado di continuare su quel filone, oggi in Italia non avremmo bisogno di rifarci a modelli americani e scopiazzare Tarantino. Del resto il pulp italiano non mi pare un genere popolare: lo trovo piuttosto snob, da intellettuali”

E la Scapigliatura è l’ambiente culturale che fa da sfondo a Sublime anima di donna, l’ultima opera della scrittrice genovese, che spiega di aver voluto creare una situazione di confine, nella quale realtà e immaginario, inconscio e vita quotidiana si influenzano reciprocamente. Il romanzo, infatti, è ambientato ai nostri giorni, quando una ricercatrice rinviene un anonimo manoscritto di uno Scapigliato, nel quale si descrive la vicenda di un serial killer che uccide diverse donne intenzionato a ricostruire con i pezzi asportati dalle vittime il suo ideale femminile.
Ma la vicenda non è destinata a rimanere nelle pagine del manoscritto, perché c’è qualcuno che comincia a uccidere nello stesso modo

Quando Crovi le fa notare che l’idea della ricostruzione di un corpo o un’anima ideali è un topos ricorrente in letteratura (cita, tra gli altri, Il silenzio degli innocenti), Claudia Salvatori annuisce

“Evidentemente ci deve essere qualcosa che ci attrae a livello inconsio nell’idea di smembramento. Ho giocato sull’ideale romantico del femminino e l’ho trasfigurato legandolo a quello del corpo fatto a pezzi. Del resto, in un’epoca in cui subiamo influenze di ogni tipo e l’identità dell’anima è perduta, quel che resta è un’aggregazione di pezzi di provenienza eterogenea”


Per saperne di più su Claudia Salvatori e sul suo romanzo Sublime anima di donna consulta il sito
www.saggiatore.it/schede/dicembre00/salvatori.htm

Per saperne di più su Luca Crovi e leggere alcuni estratti del suo saggio Delitti di carta nostra. Una storia del giallo italiano visita il sito
www.puntozero.net
di Donald Datti

Potrebbe interessarti anche: , Rosso Barocco, «l'arte può diventare una passione pericolosa»: l'ultimo noir dei fratelli Morini , Superman, a fumetti la storia dei suoi creatori: eroi del quotidiano con il dono di saper far sognare , Il segreto del mercante di zaffiri di Dinah Jefferies, una drammatica storia romantica , Maurizio De Giovanni, Il purgatorio dell’angelo: tempo di confessioni per il commissario Ricciardi , SenzOmbra di Michele Monteleone, un racconto per ragazzi che piace anche ai grandi

Oggi al cinema

Ocean's 8 Di Gary Ross Azione, Drammatico, Thriller U.S.A., 2018 Cinque anni, otto mesi, 12 giorni... Questo è il tempo durante il quale Debbie Ocean ha progettato il colpo più grande della sua vita. Sa perfettamente che deve mettere su una squadra con le migliori nel loro campo, a cominciare dalla sua... Guarda la scheda del film