Concerti Magazine Lunedì 30 gennaio 2006

Capasoul: quando c'è il groove

Nella foto: Dj Capasoul al mixer. Festival del Mediterrano 2005
I primi ricordi di Luca Arcangeli legati alla musica sono: un registratore a bobine del nonno - «diventato famoso nei film polizieschi degli anni '70, dove veniva usato per le intercettazioni», dice - e il mangianastri Grundig del padre. «Il primo disco fu Power to the people, di John Lennon». Un inizio niente male.
Dopo tanti anni Luca è diventato Dj Capasoul - nomignolo che si è meritato così tanti anni fa che quasi non si ricorda il perché - ovvero uno dei maggiori esperti di musica nera (che sia soul, funk, r'n'b o hip hop) attivi a Genova ma, come vedremo, non solo. E tutti i sabati sera dalle 22.00 lo trovate in consolle a mentelocale café.

Capasoul inizia a mettere i dischi nei locali a metà anni Ottanta, ma è cresciuto nella radio. «Mi ricordo perfettamente il mio debutto a Radio Nuovo Lido, che col Lido non c'entrava nulla, si trovava a Marassi. Era il 20 luglio 1980». Un'esperienza che ricorda con piacere, soprattutto per il contatto con la gente: «Non c'erano ancora i cellulari, anche una realtà microscopica poteva avere un buon numero di ascoltatori».

Matura presto la passione per la black music. «Per me non è solo un genere, è un ingrediente che trovi in tanti altri contesti, è una musica con una corposità e una "rotondità", un groove che non ha eguali». Quando gli chiedi di citarti due nomi dice Marvin Gaye e Curtis Mayfield, ma si capisce che ne ha altri mille in testa. Ha lavorato per anni spalla a spalla con - «che rimane un punto di riferimento», dice - e riconosce in (Sensasciou, ) la prima persona che gli ha fatto amare il funk. «Un altro dj che mi fa impazzire è Mauro Sars, che suona musica elettronica al Mascherona, un genere a cui mi sono accostato di recente».
Quali sono i momenti che ricordi con più gioia? «Nel 2000, un Mtv Party al Rolling Stone di Milano, in onore di Mariah Carey. La pista si riempì dalle otto di sera: fu una specie di trionfo. Nel 2005, sempre a Milano, una festa nel Domus Circular, locale su una delle torri di San Siro». Quindi? Milano batte Genova 2 a 0? «No, mi sono divertito un mondo anche a ferragosto dello scorso anno. Eravamo a Sori, in un locale di amici sugli scogli: ho suonato per ore e ore, e sarei andato avanti».

Con Luca si fa anche un po' di storia della movida. «All'inizio degli anni Novanta ci si è resi conto che le cose stavano cambiando. Il centro storico iniziava ad essere frequentato anche da chi non ci abitava».
Alcuni luoghi sono rimasti nella storia: il primo Psycho di vico Carmagnola, il Lucrezia, il , il (allora si chiamava Do It), il Charlie Christian (zona San Donato) dove facevano jazz. «Ricordavano molto i locali di Londra, tanto erano underground nel vero senso della parola: dovevi scendere in seminterrati bui e assolutamente privi di sicurezza. Ma era tutto molto affascinante».

La cosa che fa più imbestialire un dj? «I problemi tecnici». Cosa lo fa godere? «Che la gente balli a prescindere dalla celebrità di un brano».

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

The predator Di Shane Black Azione, Avventura, Horror, Fantascienza U.S.A., 2018 Dai confini dello spazio inesplorato, la caccia arriva nelle strade di una piccola città nella terrificante reinvenzione della serie di Predator nel progetto registico di Shane Black. Geneticamente modificati, attraverso la combinazione dei DNA di specie... Guarda la scheda del film