Magazine Venerdì 27 gennaio 2006

Un blog di libri per Francesca Mazzucato

Anche nella rete c’è chi va e chi viene, stelle che nascono e altre che muoiono creando buchi neri. C’è chi sparisce temporaneamente, per poi tornare. Di sicuro assentarsi non è cosa facile per chi nel web ha messo radici. Forse è più comune evolvere insieme alle diverse tipologie di interfaccia che questo mondo offre: da sito a blog, o da una forma di blog ad un’altra.

La scrittrice Francesca Mazzucato al gioco della rete ha partecipato fin dall’inizio, scrivendo per siti (tra cui www.gay.it , www.energheia.org , e ovviamente www.mentelocale.it , i cui lettori Francesca ha a lungo allietato con i suoi ) e intessendo una stretta relazione con i cibernauti attraverso alcuni blog.
Da un annetto però si era ritirata: «Il lavoro continuo di scrittura digitale mi allontanava dal cartaceo e poi vivevo ormai sul web una sovraesposizione opprimente. Una specie di overdose per un rapporto troppo ravvicinato e costante, in cui sentivo la necessità di immettere una certa distanza». E poi un libro appena finito (
L'anarchiste, Aliberti editori – leggi ) e un altro in uscita a metà febbraio (Confessioni di una coppia scambista, Giraldi Editore: sarà presentato dalla scrittrice @ FNAC di Genova il 21 febbraio) l'hanno spinta a recuperare un po’ del suo tempo per la vita terrestre e fisica, che l’ha portata spesso a Roma e in Tv (al Costanzo Show, ormai solo su canali digitali e, in audio, su un network di radio) e le ha lasciato più tempo per una passione intramontabile: la lettura.

A novembre 2005 il ritorno: quando Francesca ha deciso di aprire dedicato solo alla recensione di libri: «L’ho aperto su Kataweb perché mi piace come piattaforma. Lì ho aperto la mia prima casella di posta e lì per curiosità capito spesso, a leggere alcuni blog d’autore». E proprio tra , nella sezione Arte e cultura, è finito . Non è passato molto da quando l’ha attivato a quando Kataweb le ha chiesto di far parte dei blog d’autore.

Tornare al blog, è frutto di una decisione ponderata. Francesca ritorna con le idee molto chiare, consapevole di un’esperienza arricchente, ma a volte anche fardello, perché tra i tanti pregi, (libertà di espressione, luogo di denuncia – vedi il blog della - spazio di comunicazione libera e democratica, di aggregazione; innovativo strumento di creatività artistica, ma anche per la scrittura di news e opinioni), anche il blog non lesina nei difetti. Un luogo che per via dell’anonimato riesce, troppo spesso, a scatenare esaltazioni immotivate, scritture concitate, polemiche e attriti troppo accessi, capaci di degenerare fino a creare «vere e proprie gogne e persino persecuzioni». Narcisismo e autoreferenzialità sono un altro spettro: "uomo nero" di uno degli strumenti più duttili e multiformi che il web poteva ospitare, che lo fa scadere in non richiesti leaderismi (perciò Daniele Luttazzi ha chiuso il suo) o in fenomeni ipnotici.

«Ho creato uno spazio come lo volevo io, senza compromessi, seguendo alcuni principi che evitassero di snaturare l’essenza del blog e della parola scritta». Quindi no al contatore e no comment. «Ho rinunciato ad ospitare i commenti, seppure ho messo a disposizione la per tutti coloro che amano i libri, li scrivono, li pubblicano e hanno voglia di parlarmene. Senza minuetti, questo spazio delle recensioni vuole essere libero anche di esprimere stroncature», e infatti tra le categorie create da Francesca c’è uno spazio Libri brutti. «Mi sono stancata della tendenza a scrivere con l’inchino. Piccole e grandi case editrici, esordienti e autori affermati, devono sapere che sono molto disponibile a ricevere testi e scriverne, ma che posso anche scriverne male».

Francesca ha dato nome a questo blog (ispirandosi al titolo di un libro First love and other sorrows di Harold Brodkey, autore da lei molto amato) Books and other sorrows. Recensioni e altre blasfemie, proprio per annunciare uno spazio solo libri, senza preconcetti e precondizionamenti di sorta: «Blasfemo perché inusuale, perché si avventura su terreni poco battuti o evitati, prende in considerazione ciò che è vissuto come eretico o fuori dalle consuetudini». Si parla di libri nuovi, ma anche di libri vecchi e imperdibili, perché «il libro non scade come un cartoccio di uova»; di bozze ed esordienti (e qui l'invito è anche a spedire opere prime, non pubblicate o pdf, per edizioni ridotte); di e-books scaricabili gratuitamente; di libri importanti: «oggettivi capolavori» e masterpieces: «le mie vere ossessioni, tra cui anche alcuni libri cult». E poi c’è l’ospite una categoria nata casualmente e che, a caduta, ha dato vita ad altre ospitalità eccellenti tra cui gli articoli di (già recensore dell’Indice), o le note del giovane e promettente o gli interventi di Marco Nardini). Il libro per Francesca è anche il "saggio", testi dimenticati, la letteratura rosa o leggera, i libri stranieri o semplici segnalazioni di nuove uscite... E chi la ferma più.

Se volete scrivere a Francesca Mazzucato ecco la sua email:
Se volete visitare il suo blog ecco l'indirizzo: scritture.blog.kataweb.it/francescamazzucato

Potrebbe interessarti anche: , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin , MiniVip&SuperVip. Il Mistero del Viavai di Bozzetto: il cinema si fa fumetto , Il segreto del faraone nero, una nuova stoccata letteraria di Marco Buticchi , Auguri Andrea Camilleri! Lo scrittore compie 93 anni, la recensione del Metodo Catalanotti

Oggi al cinema

The predator Di Shane Black Azione, Avventura, Horror, Fantascienza U.S.A., 2018 Dai confini dello spazio inesplorato, la caccia arriva nelle strade di una piccola città nella terrificante reinvenzione della serie di Predator nel progetto registico di Shane Black. Geneticamente modificati, attraverso la combinazione dei DNA di specie... Guarda la scheda del film