Magazine Venerdì 27 gennaio 2006

Il cavallo di cioccolata

Nelle immagini alcune tavole di Paola Bellati, illustratrice del volume
Nelle il c’era una volta spesso coincide con qualcuno che si mangia o minaccia di mangiarsi il/la bambino/a protagonista. Così in Capuccetto Rosso fa il lupo, così in Hansel e Gretel vorrebbe fare la nonnina-strega, così succede in tutte le storie con gli orchi e gli uomini neri. La fame, poi, fa compiere le azioni più snaturate ai genitori come abbandonare i più piccoli al loro destino (in Hansel e Gretel). Qualche altra volta, si tratti di famiglie umane o animali, la minaccia di un lupo fa da monito a cuccioli troppo vivaci e un poco disubbidienti, come nella favola di Grimm Il lupo e i sette capretti.

Ne Il cavallo di cioccolata (Campanotto editore, 2005), un nuovo libro di Marino Muratore, patrocinato dall'UNICEF, (già e di ), i ruoli classici vengono ribaltati ed è il bambino protagonista, senza nome, che si divora qualcun altro. Nella fattispecie un cavallino magico venuto a fargli compagnia, tutto di cioccolata. “E così il bambino se lo mangiò in un boccone”.

Il bambino è uno di quelli simpatici e dispettosi, avverte l'autore, che il cavallino è forse venuto ad educare. Ogni notte il pony nero si presenta nella stanza fino a destare l’attenzione e certo un po’ la paura del bimbo. Poi però, almeno nei primi due incontri, finisce che il cavallino perde un pezzo (il muso, una gamba) e il bimbo, scoprendo che è di cioccolata, non esita a mangiare “l’intero pony” con un clamoroso mal di pancia a seguire. La terza notte finalmente sortisce un incontro più interessante. Il fragoroso mal di stomaco, infatti, non dà tregua al piccoletto, deciso questa volta a trattare il pony con delicatezza e a non mangiarne neanche un pezzettino. Da qui comincia la storia a due, tra bimbo e pony, sulla via di viaggi degni di un tappeto volante, in un galoppo notturno sulle ali della fantasia e di antiche storie di paesi lontani.

Con una tecnica mista che usa disegno (a pastelli) e collage, Paola Bellati illustra la favola giustapponendo scenari fantastici ad altri più facilmente riconoscibili, orientaleggianti o dal sapore veneziano completo di ponti, case assediate dall’acqua e maschere di carnevale che fanno capolino da una gondola o da una bancarella del mercato (ricordandoci che il suo maestro è stato Luzzati).

Completo di notizie biografiche su autore e illustratrice (il che è raro e fa paicere), il volume si conclude su tre intense tavole che ripropongono, ma ingraditi, alcuni particolari delle illustrazioni principali.

Il cavallo di cioccolata, testo di Marino Muratore, illustrazioni di Paola Bellati, Campanotto Editore, Eu 7,50

Potrebbe interessarti anche: , Auguri Andrea Camilleri! Lo scrittore compie 93 anni, la recensione del Metodo Catalanotti , Rosso Barocco, «l'arte può diventare una passione pericolosa»: l'ultimo noir dei fratelli Morini , Superman, a fumetti la storia dei suoi creatori: eroi del quotidiano con il dono di saper far sognare , Il segreto del mercante di zaffiri di Dinah Jefferies, una drammatica storia romantica , Maurizio De Giovanni, Il purgatorio dell’angelo: tempo di confessioni per il commissario Ricciardi

Oggi al cinema

Il cittadino illustre Di Gastón Duprat, Mariano Cohn Drammatico Spagna, Argentina, 2016 Daniel Mantovani, premio Nobel per la letteratura, da cinque anni non scrive niente di nuovo, e sono più gli inviti che rifiuta di quelli che accetta. Quando però arriva via lettera una richiesta da Salas, minuscolo paese argentino, decide... Guarda la scheda del film