Magazine Sabato 21 gennaio 2006

Raccontare, disegnando

Magazine - Anno nuovo, nuovi appuntamenti legati al mondo dell’illustrazione e del fumetto organizzati da in collaborazione con la Biblioteca De Amicis.
Giovedì 19, è stata la volta di Maurizio Mantero: disegnatore, illustratore, sceneggiatore, giornalista e chi più ne ha, più ne metta. Manco a dirlo, genovese: la che, silenziosamente ma con enorme profitto, si aggira nel mondo dell’arte sequenziale è davvero ricca, non c’è che dire.
Mantero è un signore di mezza età, dall’aria schiva e i modi asciutti, ma cordiali: dal suo aspetto semplice e discreto, dal modo chiaro e conciso con cui espone gli argomenti, lo si potrebbe scambiare per un anonimo docente di diritto o di estimo territoriale.
Invece, è uno dei nomi di punta del fumetto italiano da quasi trent’anni: dopo aver esordito su testate storiche come Lanciostory e Skorpio, a partire dal 1978 inizia una proficua collaborazione con che lo porterà a sceneggiare numerosi albi di Ken Parker, e ad illustrare personalmente alcune storie comparse su Ken Parker Magazine, compreso il racconto Papillonia, grazie al quale è riuscito a conciliare finalmente il Mantero sceneggiatore con il suo "io" disegnatore.
Negli anni, molte delle sue storie sono state disegnate da alcune delle firme più note del panorama nostrano (, Pasquale Frisenda), mentre attualmente collabora con alcuni periodici (Zodiaco, Icarus), ma senza abbandonare la cara, vecchia Bonelli, occupandosi di Julia.

Il tema dell’incontro è Raccontare, disegnando: «Questa è una delle tante definizioni di “fumetto” –spiega- È facile trovarne di diversissime ed ugualmente efficaci. Mio suocero, per esempio, dice che io disegno gli ometti».
Nell’arco di meno di un paio d’ore, Mantero riesce a spiegare con efficacia in cosa consista il mestiere dello sceneggiatore e in quale modo funzionino, all’interno di una casa editrice, le sinergie con le altre figure (il disegnatore, in primis, ma anche l’eventuale regista, gli addetti alle matite, al lettering) che intervengono nella realizzazione di una storia a fumetti. «Per l’occasione, ho portato un po’ di frattaglie», accenna, porgendo ai presenti alcuni fogli su cui compaiono schizzi, layouts, appunti di un nuovo albo di Julia.
Il discorso, benché apparentemente complesso, è molto intrigante, soprattutto per quanto riguarda le interazioni, affatto scontate, tra chi scrive una storia e chi la disegna: «Il soggetto, la famosa idea, deve essere steso secondo un linguaggio codificato, in maniera più o meno dettagliata, a seconda che disegnatore e sceneggiatore si conoscano, o che- addirittura- siano la stessa persona o meno». Ognuno ha un suo metodo: Mantero predilige iniziare dallo studio dei personaggi e dei loro dialoghi, immaginando come si comporterebbero nella realtà.

«Sceneggiare, spesso, è come fare uno slalom: bisogna prestare attenzione ad un’enorme numero di paletti. È come per la ginnastica artistica, in cui le esibizioni degli atleti prevedono dei movimenti imprescindibili». Esistono vignette la cui struttura, ormai perfetta e funzionale, non permette di sgarrare, pena l’illeggibilità del racconto: uno dei compiti dello sceneggiatore consiste nel saper raccontare bene cosa accade, affinché, a sua volta, l’illustratore possa disegnarlo in maniera cristallina.
La lettura non deve incepparsi: «Quando si perde il filo, di punto in bianco ci si ritrova sotto gli occhi una vignetta di cui non si capisce il significato. Le revisioni a lavoro finito sono indispensabili: si deve capire tutto, perciò il meccanismo deve essere consapevole, mai casuale».

Un’ultima raccomandazione, mutuata da un altro grande disegnatore, troppo spesso sottovalutato, Giorgio Trevisan: «Bisogna guardare, guardare sempre, ogni cosa, trarre ispirazione da tutto. Chi dice di non guardare, mente».



Prossimo appuntamento, giovedì 26 gennaio, h.17, presso il Forum della Biblioteca De Amicis: Enzo Marciante, "L'ispirazione storica nel fumetto"

di Stefania Pilu

Potrebbe interessarti anche: , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin

Oggi al cinema

Colette Di Wash Westmoreland Drammatico 2018 Quando Colette sposa Willy, celebre imprenditore letterario, lascia per la prima volta la sua adorata campagna e viene catapultata nella Parigi libertina della Belle Époque. La scoperta della passionale vita coniugale, gli intrighi ed i tradimenti... Guarda la scheda del film