Magazine Lunedì 16 gennaio 2006

Un altro blog in cartaceo

!
Amici miei e non della ventura, ricordate questa fantastica canzoncina dei , ma scritta addirittura da , su testo inarrivabile del fido Hal David, colonna sonora del favoloso film e oggi colonna sonora dell’unico programma guardabile in chiaro sulle tivù italiane, cioè appunto ?
Spero che sì, accidèmpoli. Ecco, ora fate un veloce cambio di consonante finale e arrivate a , che è un mònito peloso ma non del tutto infondato.

I sono un fenomeno, una realtà, una pandemìa. Tutti ne parlano, quasi tutti ne hanno uno (eccetto il vostro fido cronista mondano e il suo eterno implicit reader, l’amico preside ; il quale però mi confidava, una di ‘ste sere, di volerne aprire uno, scritto in e , con accesso limitato ai soci del Club Tenco pur che dotati di tessera da almeno 3 anni).

Tutti hanno un blog, ma i blog interessanti sono pochi. Tra i più notevoli, e ringrazio l’amico per avermelo indicato, c’è quello di .
Non è un blog raccontabile con parole: primo perché dispone di un lay out grafico micidiale, secondo perché usa le parole con una parsimonia intelligente a me, come noto, ignota.
Leggendo questo blog, l’editore sceglie, oltre a quelli di (da cui il libro ) e di , quello di Alessandra D’Agostino, che è appunto la Scrivana.
Il risultato è questo notevolissimo , di cui si può dire senz’altro che:
1) è un libro
2) ha dimensioni ragionevoli (120 pagine)
3) vanta il migliore aspetto grafico dai tempi del lavoro di (identico per i 3 volumi finora pubblicati: tascabile in 16mo, fondo grigio con similbigliettino in centro, recante il solo titolo alla seconda riga di 9 numerate. Fa-vo-lo-so!)
4) contiene in numero enorme, da leggersi con l’aiuto di
5) pronuncia con dolcezza evasiva le parole che tutti vogliono ascoltare e non sanno dire: fuga, paura, amore, riso, morte, nascondimento (altre più belle ancora a vostra scelta, amici)
5.1) queste parole, le costruisce con la semplicità del (esempio a caso, però mirabile, sul serio: Sono pronta ad averti qui.
Tu, ma io non so.
Vieni qui.
Dove?
Tra le mie braccia)
6) all’autrice ‘sta cosa potrà interessare come no, ma questi testi di romanzo o poesia o altro o tutt’insieme potrebbero musicarsi soltanto da un gigante come il mio amico .
7) alla fine, riesce a raccontare un’unica, più grande storia: che è quella della passione tra chi legge per la cosa che legge (questo è un concetto che pare strano, se non lo spiega , mio maestro inconsapevole).

Fatevi un bel regalino per l’inizio dell’anno: comprate Voice Recorder e poi, dal 2 al 5 febbraio prossimi, fate un salto a : ci sarà Alessandra, con gli altri autori di Untitle Ed e tutto il resto della fiera. Da non perdere, e per una volta non capita nel consueto, rutilante, estremo etc.
di Giovanni Choukhadarian

Potrebbe interessarti anche: , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin

Oggi al cinema

Il grande Lebowski Di Joel Coen, Ethan Coen Commedia Usa, 1998 Un ex hippy, viene assunto da un miliardario per consegnare nel luogo prescelto il riscatto per il rapimento della moglie. Ma dopo qualche incontro piccante con la figlia del suo datore di lavoro ed una partita di bowling, scoprirà che non c'é... Guarda la scheda del film