Weekend Magazine Domenica 12 agosto 2001

Bocca di Magra, vacanze d'elezione per gli scrittori e gli artisti del Dopoguerra

Il fiume Magra
© shutterstock

Magazine - La val di Magra, estremo lembo della Liguria che si confonde con la Toscana, fu presa di mira già dagli scrittori latini e poi da Dante, Petrarca e Boccaccio, fino a arrivare al Novecento con Sereni, Fortini, Giudici, Tobino e ai giorni nostri con Il coraggio del Pettirosso di Maurizio Maggiani.

La si raggiunge uscendo dall'autostrada a Sarzana: poche le strutture alberghiere, ma incantevole il paesaggio.
Prima tappa consigliata: Ameglia, piccolo paese medievale arroccato sul fiume.
In poco tempo si può raggiungere Montemarcello, uno dei più attraenti borghi della zona, con le case ben tenute, i gatti che scodinzolano all'ombra dei vicoli, le fasce d'uliveto. Dal sentiero che conduce a Punta Corvo si gode il panorama del Golfo dei Poeti fino alle isole Palmaria, Tino e Tinetto. Si intravede anche Tellaro, luogo d'elezione di Mario Soldati, e il suo piccolo promontorio zeppo di case di pescatori affacciate sul mare.

Una curiosità: vicino a è situata Villa degli Olivi, con un parco ricco di vegetazione mediterranea e alcuni busti antichi che forse provengono dalla vicina Luni. È di proprietà di Luigi Bisio e Ida Fabbricotti, amici della numerosa comunità di intellettuali che ha soggiornato a Bocca di Magra. Sfogliando il libro delle firme si trovano i nomi di Italo Calvino, Franco Fortini, Vittorio Sereni, Giancarlo De Carlo e molti altri. Bisio aveva costituito, insieme con i suoi amici, l'associazione Pro Bocca di Magra: promossa da Giulio Einaudi cercò invano di bloccare la speculazione edilizia che oggi ferisce il paesaggio qua e là.

Per scendere da Montemarcello alla foce del fiume si può passare dal Monastero dei Benedettini di Santa Croce del Corvo. È chiuso al pubblico, a meno che non si scelga di dormire nelle stanze a pagamento del castello Fabbricotti, riservate ai turisti. Nel monastero, invece, una targa ricorda che lo sconosciuto frate Ilaro proprio qui incontrò Dante.
Bocca di Magra è stata letteralmente presa d'assalto dall'intellighenzia italiana. Cominciò a venire Montale che poi preferì andarsene a Forte dei Marmi, lontano da quella Liguria che non gli aveva dato i riconoscimenti che si aspettava.
Anche Gadda venne a godersi il sole a Bocca di Magra. Nel Dopoguerra, poi, iniziarono a frequentare il paese Elio Vittorini e Giulio Einaudi. E Marguerite Duras che qui ha ambientato il primo capitolo de Il marinaio di Gibilterra.
A Bocca di Magra Cesare Pavese si innamorò di Pierina: proprio a lei indirizzò alcune lettere che scrisse prima di morire. Se lo era portato con sé Einaudi, per fargli trascorrere un paio di settimane di vacanza e non lasciarlo solo a Torino. Vittorio Sereni e Franco Fortini, invece, abitavano a pochi passi dal fiume.
L'americana Mary McMarthy organizzava per gli amici picnic al tramonto sugli scogli. Non è un caso che abbiano scelto di trascorrere qui le loro vacanze: la bellezza del paesaggio e la discrezione degli abitanti sono proverbiali.

Si può fare il bagno in mare, arrampicarsi per i sentieri immersi nel verde o visitare i resti della villa romana di epoca imperiale, ricordando che a Bocca di Magra si è solo all'inizio del viaggio attraverso una delle valli più belle e meno conosciute della Liguria.
A Bocca di Magra si può mangiare al Ristorante Ciccio in via Fabbricotti 17, situato proprio vicino a dove il Magra si getta nel mare: lì, raccolti dal proprietario e esposti in bella vista, potete anche sfogliare i libri degli scrittori di cui abbiamo parlato.
Oppure a Fiumaretta, sulla riva opposta del fiume, alla trattoria Il pilota, descritta in un romanzo dalla Duras e dove alloggiò Pavese. E dove Giulio Einaudi si fermava, fino a poco tempo fa, per gustare le ricette locali. Da qui si può anche prendere il battello che conduce a Punta Corvo e a Punta Bianca.

Oggi al cinema

Dragon trainer 2 Di Dean DeBlois Animazione U.S.A., 2014 Questo emozionante secondo capitolo della trilogia epica si svolge cinque anni dopo che il giovane eroe vichingo Hiccup ha fatto amicizia con un drago ferito, evento che ha cambiato per sempre il rapporto tra gli abitanti di Berk e gli sputafuoco. Ora... Guarda la scheda del film