Magazine Mercoledì 28 dicembre 2005

A cena con Lolita

Magazine - Da in avanti (almeno), il romanzo moderno, che rifiuta il mito in quanto privo di necessità ermeneutiche, col mito deve fare i conti: e se non sono miti, saranno almeno, con e almeno idealtipi.
Di recenti, però, ce n’è pochissimi. Peter Pan, su cui tutti sembrano d’accordo, con molta generosità e poi, quasi certamente, Lolita.
A cena con Lolita è appunto il primo romanzo di Eva Clesis (12 Eu), pubblicato a Bologna da in una collana di narrativa diretta dall’ex avanguardista del ’63 (il Novecentosessantatré, non il secolo prima, masnadieri che non siete altro!) e viziato da una tremenda copertina .
A differenza dell’càllido redattore del capo d’opera , Eva Clesis è però una ragazza sul serio, ha collaborato a riviste importanti ( , Nuova Prosa di e racconta le cose dalla parte delle ).
Le cose raccontate in questo volume sono, in particolare, l’educazione e la crescita erotica di una donna, a partire dai suoi 4 anni fino al tempo dell’università. Meglio però scansare gli equivoci. Qui non c’è nessun giochetto sul tema, oggi di nuovo in voga, della .

Arrivata in città per studiare giurisprudenza dopo un’adolescenza di ordinaria turbolenza, la protagonista mette ben sì in commercio il suo corpo e quindi, col mai abbastanza rimpianto , lo (questo passaggio ipercolto è un omaggio al mio e vostro grande amico, il preside e presentatore di qualsiasi Tenco , l’unico intellettuale comunista che parli l’attico meglio di buonanima).
Se non che tutto il suo comportamento, ivi comprese la bulimìa e l’occasionale passione per le ragazze, sono parte di una ricerca del sacro. Non per niente, in principio e conclusione del romanzo, torna questa formula: «sono allergica a tutte le feste, ne detesto persino l’idea» (due magnifici decasillabi, tra l’altro: Eva Clesis conserva memoria del sacro nella poesia italiana).
La ragazza di Bari ha tuttavia a sua disposizione una cultura visiva non comune – la costruzione delle scene è di taglio senz’altro cinematografico e ci sono richiami diretti, come quello agli , con una , allora bellissima.

Giova al romanzo anche una scrittura forte, quando non senz’altro violenta. Nessuna pietà particolare per i fatti e le persone raccontati, un disprezzo patetico verso gli uomini che comperano, non importa a quale prezzo, le ragazze, soprattutto nessuna morale e un finale aperto.
A carico, invece, qualche luogo comune (un esempio solo: la protagonista fa la modella per pittori di nudo. Si è già letto e non convince, peccato) e una sintassi che, se a volte è periclitante con grazia, altre volte rende complessa l’intelligenza del discorso. Inoltre, e in conclusione, qualche difficoltà nella chiusura dei capitoli (10, compreso l’epilogo, in buona parte superfluo).
Ma il romanzo mantiene assai più di quel che promette e ora si attende la Clesis alla difficile .
E se questo non vi basti, cari i miei lettori ingordi, sappiate che di questo ha scritto bene addirittura .

Giovanni Choukhadarian

di Giovanni Choukhadarian

Potrebbe interessarti anche: , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin , MiniVip&SuperVip. Il Mistero del Viavai di Bozzetto: il cinema si fa fumetto , Il segreto del faraone nero, una nuova stoccata letteraria di Marco Buticchi , Auguri Andrea Camilleri! Lo scrittore compie 93 anni, la recensione del Metodo Catalanotti

Oggi al cinema

Amici miei Di Mario Monicelli Commedia Italia, 1975 Quattro uomini di immatura mezza età, amici di vecchia data, ai quali si aggiungerà poi un illustre clinico, trascorrono le giornate di libertà architettando scherzi d'ogni sorta: canzonano i vigili urbani, prendono a schiaffi i viaggiatori... Guarda la scheda del film