Concerti Magazine Giovedì 22 dicembre 2005

La musica come un romanzo

Cent’anni della scritti ?
Pare impossibile, ma c’è appena riuscita Silvia Pignotti, matuziana per il cui sguardo, il maestro Jean Luc Godard avrebbe trovato un posto nel suo , magari al posto della pur brava , no?

Questo Cent’anni di Sinfonica. 1905-2005, (Imperia, ed.Ennepilibri 2005, 14 Eu) è appunto la storia molto illustrata, in accurato bianco e nero, di un’orchestra fra le più importanti d’Italia se ha ospitato fra le sue fila, come violinista intemperante, nientedimeno che , ma prima di lui il leggendario , e nel mentre l’altrettanto memorabile, direttore artistico per 27 anni Carlo Farina, musicista di straordinaria generosità e apertura al nuovo (non è da tutti eseguire a Sanremo, il 24 dicembre 1979, la prima nazionale del di , che l’aveva scritto nel ’52!).

Ma di nomi importanti ce n’è una marea, in queste 164 pagine – indici a parte, beninteso – e allora bisogna prima di tutto ricordare , il gentile maestro milanese di cui mentelocale.it vi ha già dato notizie, e poi , di cui si è eseguita qui la prima dello spettacolare concerto per violino, , vincitore di un Premio Sanremo per la composizione, prima della Seconda Guerra Mondiale, e anche, fra gli ultimi, o quel signore d’altri tempi che è il pariginapoletano .
Ne dimentico, a bella posta, molti e molti ma, vi starete domandando, cosa c’entra ‘sta lista di nomi, dati, date con un ?
C’entra perché Silvia Pignotti, mentre scriveva, teneva sott’occhio , il mai troppo letto Italo Calvino dei , non che Sepùlveda e la Isabel Allende quest’ultima cara all’ormai notissima traduttrice padovana .
A parte questo, il libro è raccontato come un intrigante (siate buoni, è Natale e ho scordato a casa la valigetta degli aggettivi!) dialogo fra Silvia e Misol, cioè la III e la V dell’ ma anche "il mio sole" e il nome di una villa di Sanremo a me ignota, ma non all’autrice.
Misol è il garbato archivista della Sinfonica, dédito alla sola Bellezza, ma è anche forse il o, per noialtri cattolici l’anima, di questo racconto così meticoloso: è comprensivo, non per niente, di utilissimo indice dei nomi e insomma per Natale avrete qualcuno che vi è caro, no?
Ecco, questo è il regalo adatto. Fa figura, è colto ma non pesante e, visto che siamo a Genova, costa pure poco.
Dimenticavo: in questo libro giusto spazio è riservato a , presidente della Fondazione Orchestra Sinfonica di Sanremo e marito della soprano ; e al mio e vostro amico , che vide il testo in bozze e approvò.
Adesso, però, aspettiamo anche il suo, di libro: la nuova raccolta di poesie, in primavera, nello !

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

Quasi nemici L'importante è avere ragione Di Yvan Attal Drammatico, Commedia Francia, 2017 Neïla Salah è cresciuta a Créteil, nella multietnica banlieu parigina, e sogna di diventare avvocato. Iscrittasi alla prestigiosa università di Panthéon-Assas a Parigi, sin dal primo giorno si scontra con Pierre Mazard, professore celebre per i suoi... Guarda la scheda del film