Magazine Mercoledì 21 dicembre 2005

Niente balocchi, meglio libri

Magazine - Le librerie sono affollate, ma dominano gli adulti.
I sacchi che girano appesi alle mani di mamme, nonni e zii sono pieni di balocchi smisurati.
Ma perché non regalare un libro anche ai più piccoli?
Certo, comprendo la pigrizia di chi lo vive come un doppio impegno, perché ogni libro contiene in sé anche l’implicita promessa di dedicare un momento speciale e fermarsi con i bimbi per raccontargli una storia. Ma suvvia è il momento di essere tutti più buoni.

Il mio cavallo per una storia o un libro, che a volte di narrazioni ne contiene tante. In questo invito a regalare libri a bimbi e ragazzi non posso non ricordarvi la bellezza di un classico come il Mago di Oz, di L. Frank Baum, che letto sera dopo sera offre uno strepitoso viaggio in molte città invisibili per grandi e piccini. Sempre verde anche il nostro Cipì, di Mario Lodi e i suoi ragazzi: un percorso iniziatico pieno di coraggio, giovanile fervore e una certa propensione al melodramma. E forse anche Kim di Rudyard Kipling è una scelta di cui è impossibile pentirsi.

Non solo balocchi, dunque né solo macchinine, mostri, videogiochi, Barbie o Bratz per i nostri cuccioli ma fantasie, invenzioni, viaggi e allucinazioni da vivere sulla punta della lingua, magari con un tocco di improvvisazione. Al di là dei classici, tre novità hanno catturato la mia attenzione. Uno decisamente al femminile dalla Francia, (già tradotto in Italiano), Principesse dimenticate o sconosciute, (vedi copertina in alto) una coloratissima e autoironica passerella di tutte le possibili varianti di maestà in erba, complete di speciali tic, manie e uniche capricciosità, firmato da Philippe Lechermeier e Rébecca Dautremer (Fabbri editori, 2005). Un soave bestiario che include ambienti più o meno raffinati, colorazioni, etnie e tradizioni vere o fantasiose da percorrere anche in lettura incrociata, saltando da una principessa all’altra, spesso compiendo anche un salto artistico notevole per tecnica pittorica e segno grafico utilizzato. Un’alternativa alle solite patinature da sogno.

Le altre due proposte sono, la prima (vedi copertina in basso), Una storia del mondo, ( , 2004), un volume per i più grandini (direi dagli 8 anni in su), scritto da uno dei più famosi autori per ragazzi della Germania, Manfred Mai (un modo per affacciarsi su una letteratura poco frequentata). Un abbraccio largo 52 capitoli, dalle origini ai giorni nostri, per un quadro d’insieme, preludio di letture più approfondite e specifiche. Dagli uomini delle caverne ai vari Imperi, dittature e freddure guerresche questo libro parla anche dei piccoli umani, uomini e donne che tanto piccoli non furono e un segno nella storia lasciarono.

Last but not least, una storia scritta dagli alunni di quarta elementare di una scuola di Venezia (“Don Orione” – Strà) e illustrata da un giovane esordiente molto dotato, Maurizio A.C.Quarello, Il viaggio di Luna, ( ). Una fiaba di mare e sogno che proprio del piacere di ascoltare storie e possedere libri racconta, tra le mani di una bimba curiosa, Luna appunto, capace come l’Alice di Lewis Carroll (altro classicone intramontabile) di imprese inenarrabili al cavallo di Farfatopi (topi dalle ali di farfalla). Occhio alle illustrazioni che il giovane Maurizio costruisce gettando lo sguardo indietro a un maestro come Hieronymus Bosch, uno dei più grandi pittori del Cinquecento, per un itinerario notturno da fiaba quasi classico, tra gufi, civette e rospi, poetico e surreale. Ah, dimenticavo il libro in questione ha vinto il concorso Scarpe in viaggio, mentre le illustrazioni hanno vinto il 9° Concorso Internazionale di illustrazione per l’infanzia Scarpetta d’oro.

Potrebbe interessarti anche: , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin , MiniVip&SuperVip. Il Mistero del Viavai di Bozzetto: il cinema si fa fumetto , Il segreto del faraone nero, una nuova stoccata letteraria di Marco Buticchi , Auguri Andrea Camilleri! Lo scrittore compie 93 anni, la recensione del Metodo Catalanotti

Oggi al cinema

Frida Di Julie Taymor Drammatico Usa, 2002 Dalla sua complicata e duratura relazione con il suo mentore e marito, Diego Rivera, ai suoi illeciti e controversi rapporti con Leon Trotsky, fino alla sua complicata e romantica storia con una donna... Frida Kahlo ha vissuto una vita voraggiosa e inflessibile... Guarda la scheda del film