Magazine Giovedì 15 dicembre 2005

Tutto in un sol giorno

Una vignetta della Bretécher

Magazine - Il continua in grande stile venerdì 16 dicembre 2005 in una giornata ricca di appuntamenti: il primo è all' (ore 15.30) per l'incontro pubblico con uno dei più celebri disegnatori e vignettisti italiani.
Si continua al (ore 18) con Ferruccio Giromini che, insieme allo stesso Staino, presenta il libro Le anime disegnate di Luca Raffaelli.

Si conclude al (ore 21) la giornata con , da quasi trent'anni assente dal nostro paese, accolta da una lettura/mise en espace dalle sue strisce anni '60, tra le più celebri: i Frustrati che lei stessa contribuirà a raccontare insieme a Luca Raffaelli con Elsa Bossi, Elena Dragonetti,, Rosanna Naddeo, , Roberto Serpi e Marcella Silvestri.
La storia delle prime tavole dei Frustrati inizia su Le Nouvel Observateur in Francia e su Linus in Italia facendo esplodere il fenomeno Claire Bretécher.
Un’autrice capace di cogliere difetti e manie della società borghese e intellettuale parigina degli anni '70 con il suo disegno totalmente irrispettoso delle proporzioni, ma semplice ed efficace e immediatamente riconoscibile, si è meritata l'appellativo di "miglior sociologo francese", conferitole nientepopodimeno che da Roland Barthes.

Rileggendo oggi i dialoghi delle donne e degli uomini protagonisti di quelle strisce - siano essi riflessioni intime, semplici chiacchiere o discorsi sul senso della vita - ci si può rendere conto che in fondo non è cambiato molto e la capacità d'analisi della fumettista e dei suoi personaggi sono ancora assolutamente attuali.

di Annamaria Giuliani

Potrebbe interessarti anche: , La maledizione della peste nera: l'epidemia ritorna a Genova. Il nuovo thriller di Daniel Kella , La regola del lupo: un omicidio sul Lago di Como. L'ultimo libro di Franco Vanni , Il gusto di uccidere, la Svezia di Hanna Lindberg. L'intervista , Il gioco del suggeritore di Donato Carrisi: intrigante favola nera in bilico tra reale e virtuale , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione