Magazine Giovedì 1 dicembre 2005

Bernard Noël a Genova

Magazine - Bernard Noël, (1930), intellettuale a tutto tondo che ha profondamente segnato la società culturale francese anche per il suo impegno etico e politico, è a Genova il 2 dicembre 2005. Ospite dell’Università di Lingue di Genova (Piazza S.Sabina 2, aula 1), alle 16.30, (ingresso libero), lo studioso e scrittore verrà festeggiato dai docenti della Facoltà (Massimo Bacigalupo, Maurizio Cucchi, Marco Ercolani, Mauro Ferrari, Lucetta Frisa, Ida Merello, Leonardo Rosa, Fabio Scotto, Stefano Verdino e i docenti e gli allievi della facoltà di francesistica) in un incontro dedicato alla sua opera.

Romanziere, saggista, poeta, drammaturgo, nonché collaboratore alle più importanti riviste letterari -edirige attualmente la rivista, "Correspondances"- Bernard Noël esordì nel 1958 con i poemetti in prosa Extraits du corps. Le Château de Cène è il romanzo, pubblicato con uno pseudonimo nel '69, contro la brutalità della guerra d'Algeria, espressa in un'allegoria della violenza erotica, che lo sottopose ad un processo restato nella memoria per oltraggio alla morale. Recentemente, questo libro è stato riedito in Francia con gran clamore e adattato per il teatro, mentre in Italia è tradotto per le edizioni SE.

Fra i libri principali ricordiamo, dal 1958 al 2004, nelle Éditions Lignes & Manifestes: Artaud et Paule, L’Enfer dît-on, Le Retour de Sade; nelle Éditions Pol Journal du regard: Onze romans d’oeil, La Reconstitution, Portrait du monde, L’Ombre du double, Le Syndrome de Gramsci, Le reste du voyage, L’Espace du Poème, Magritte, La Face de silence, La Peau et les Mots, La Maladie du sens, Romans d’un regard, Un Trayet en hiver, Les Yeux dans la couleur; nelle Éditions Fata Morgana: Une messe blanche, Souvenirs du pâle, Le Tu et les Silences; nelle Éditions Gallimard: André Masson, La chute des temps; nelle Éditions Unes Fables pour ne pas: Extraits du corps, Vers Michaux, Lettres verticales; per Atelier de Brisants Vieire da Silva: Onze voies de fait.

Diversi critici e poeti –tra cui Donatella Bisutti, Fabio Scotto, Antonio Prete, Lucetta Frisa– lo hanno tradotto in italiano dal 1991 al 2005. Ricordiamo: Il castello di Cène (Es, Milano 1991), Diario dello sguardo (Guerini e associati, Milano 1992), Il rumore dell’aria (Edizioni del Leone, Venezia 1996), La caduta dei tempi (Guanda, Milano 1997); Notti al castello (L’Airone, Roma 1998); Simbad il marinaio (Motta junior, Roma 1999); Paroles; Specchi e versi dell’erotismo (con Pey Serge), Avagliano, Roma 1999; Distanze. Tre monologhi (con Peter Porter ed Edoardo Sanguineti), Avagliano, Roma 2000; Estratti del corpo, Mondadori, Milano 2001; La sindrome di Gramsci, Manni, Lecce 2001); La malattia della carne (Abramo, Catanzaro 2003); Artaud e Paule (I libri dell’Arca, Joker, Novi Ligure 2005).

Potrebbe interessarti anche: , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin

Oggi al cinema

Brutti sporchi e cattivi In una misera baracca, costruita con altre sulla collina che fiancheggia San Pietro, vive con la sua numerosissima famiglia (la moglie, una decina di figli e un mucchio di parenti) il vecchio Giacinto Mazzatella, un pugliese orbo e ubriacone la cui principale... Guarda la scheda del film