Concerti Magazine Mercoledì 23 novembre 2005

Tra i Black Sabbath e De André

Magazine - Il sottosuolo genovese brulica di nuove realtà musicali, tra queste si trovano gli Oxygen Destroyer. La prima cosa che mi ha colpito ascoltandovi è che cantate in italiano. «Sì, italiano - risponde Horror Vacui, voce della band - per ragioni fonetiche e perché le parole hanno tanto più potere e forza quanto più ci appartengono. Mi ispirano non tanto modelli anglofoni quanto la lingua di Pasolini e De André ed il maestro della voce Demetrio Stratos».
Voi nascete come duo nel '98 poi siete diventati quattro: com'è cambiato il vostro stile? «Lo stile cambia in quanto si arricchisce della personalità degli altri due membri: Nadir con un basso che non è solo strumento ritmico ma suggerisce melodie ed atmosfere, Sandman che crea strutture ritmiche non usuali caratterizzanti i brani quanto la chitarra».

Credete che la vostra musica possa essere definita in modo preciso? «I suddetti cambiamenti stilistici ci hanno portato ad allontanarci da un hard-rock di matrice Black Sabbath e di creare un nostro genere che non è pienamente definibile, dal momento che vi confluiscono svariati elementi: i riff di chitarra sabbathiani, appunto, così come la psichedelia, il prog italiano ed addirittura sfumature etniche».
«Dalle influenze iniziali di gruppi ossianici come Trouble e Count Raven - precisa Caino - oggi siamo diventati musicalmente onnivori, prediligiamo tutto ciò che puzza di zolfo, con importanti influenze del blues e rock-blues anni '70».

Il vostro primo demo è un concept intitolato Umaninferni, basato su un argomento particolare...
«Si tratta di una intuizione poetica, non connessa con il concetto manicheo di bene-male: noi costruiamo al nostro interno un ambiente mentale, fatto di strutture che sono la causa stessa del nostro male e diventano infine la realtà che ci circonda. Tali inferni sono meccanismi di tortura creati per autocontrollarci, per evitare di essere troppo liberi». Interviene Sandman: «Come suggerisce la psicanalisi, l'uomo è potenzialmente libero e privo di limiti o vincoli, ma esso stesso cerca di evitare il confronto con la propria libertà».

Nei vostri brani ci sono anche riferimenti espliciti a Rimbàud, Lautrèamont e Lucrezio e l'idea del concept è nata con la collaborazione di Alberto Maragliano.
«Rimbàud ha scritto Una stagione all'inferno, dice Horror Vacui, il suo è un inferno esistenziale, come quello presente nei nostri temi; Lautrèamont ha affrontato la poetica del male puro, superandolo e raggiungendo una libertà espressiva di cui si impadronì anche il surrealismo. Il raggiungimento della libertà personale è anche un nostro tema». Continua Sandman: «Alberto Maragliano, amico intellettuale di Horror Vacui, grande scrittore genovese e poeta maledetto, ha provveduto a rintracciare i nostri riferimenti letterari. Per sdebitarci al nostro prossimo concerto presenteremo, oltre al nostro cd a prezzo politico, il suo nuovo libro».

Noto una certa cura nella grafica sia del booklet che del sito: ve ne occupate voi direttamente? Stavolta risponde Nadir: «Sì, è stato mio il lavoro per quanto riguarda la parte tecnica, mentre l'idea deriva da sedute di lavoro per decidere. È stato difficile per l’inesperienza, però supportato dalla cura che poniamo in tutti gli aspetti ‘visivi’ del nostro presentarci, particolare che si nota anche nella preparazione delle locandine per i nostri concerti».

Come cambia l'approccio in studio rispetto a quello dal vivo? «L'approccio in studio è particolarmente istintivo - puntualizza Caino - ci affidiamo all'istinto e lasciamo un discreto spazio all'improvvisazione».
Dove suonerete prossimamente? «Giovedì 8 dicembre, ore 21, al Teatro della Gioventù di Genova. Per la rassegna Rockland organizzata da Black Widow Records divideremo la scena con gli Akron di Francavilla». Aggiunge Sandman: «Pensiamo di poter far assistere a chi verrà uno spettacolo e un tipo di musica che non è facile trovare altrove».

Per info
www.oxygendestroyer.it

Sonja Amoretti

Potrebbe interessarti anche: , Mahmood vince Sanremo 2019 con il brano Soldi. Secondo posto per Ultimo, segue Il volo , Sanremo 2019. Testi e pagelle delle canzoni in gara , Sanremo 2019: Zen Circus con L'amore è una dittatura. Testo e pagella , Sanremo 2019: Ultimo con I tuoi particolari. Testo e pagella , Sanremo 2019: Simone Cristicchi con Abbi cura di me. Testo e pagella

Oggi al cinema

Alla ricerca di Vivian Maier Di John Maloof, Charlie Siskel Documentario 2013 Vivian Maier, bambinaia, lasciò alla sua morte un archivio fotografico costituito da più di 100.000 scatti inediti.Queste foto furono ritrovate dallo storico John Maloof. Un ritratto esaustivo e intrigante delle luci e delle ombre della... Guarda la scheda del film