Il chimico Folle nel West - Magazine

Mostre Magazine Giovedì 3 novembre 2005

Il chimico Folle nel West

© Dietrich Flechtner

Magazine - Da ricercatore-chimico a chimico-intrattenitore, è il tedesco a Genova con due spettacoli a Palazzo Ducale - e (Sala del Minor Consiglio, giovedì 3, ore 21) e High Energy (Salone del Maggior Consiglio, ore 21.30)- e il suo primo libro Questo magico laboratorio di chimica, (Editoriale Scienza, 2005), da pochissimo nelle librerie italiane e alla quarta edizione in patria (Das verrückte Chemie-Labor). Korn è un simpatico e molto serio burlone: il suo vero cognome per esempio è solo Korn, ma ha voluto cogliere un’opportunità divertente del destino e così sposando la signora Müller ha cominciato a chiamarsi Korn-Müller (Korn vuol dire granoturco e Müller mugnaio, come resistere?).

Andreas ha gettato la spugna del ricercatore abbastanza presto, non prima però di essersi preso, dopo la laurea a Tübigen, un PhD in chimica all’università di Monaco e aver trascorso due anni tra chimica e medicina per studiare l’AIDS. Solo nel 1996 ha preso la grande decisione: essere libero e diventare «un chimico intrattenitore», come si autodefinisce. Il successo è stato immediato, rispondendo ad un annuncio al Museo di Scienza Naturale di Monaco, Korn ha dato spessore alla sua attività di cabarettista-scientifico portando i 4 esperimenti del suo primo breve lavoro spettacolare fino ai 25 di alcuni attuali show, tra cui il più celebre e da lui amato . La sua è una missione prima di tutto verso gli adulti, la gente comune, poi, in seconda battuta, si rivolge anche ai bambini a cui propone una chimica da cowboy, con travestimento e setting completo (uno spettacolo che lui stesso giudica molto costoso e in cui è seguito da 4 tecnici per il montaggio e gli effetti speciali) e alcune delle idee di laboratorio proposte nel libro, Questo magico laboratorio di chimica.

Il libro è nato per caso. Dal ’93, Korn e le sue acrobazie chimiche sono finiti in TV (all’ARD, primo canale pubblico tedesco) e nel ’99 il quotidiano tedesco Die Zeit non ha potuto fare a meno di notarli dedicandogli un’intera pagina. E così come spesso succede, la casa editrice Patmos ci ha visto del buono e quindi ha chiesto a Magic Andy (nome d’arte di Korn) di scrivere per loro una pubblicazione dedicata ai ragazzi. Lì per lì lui ha rifiutato dicendo: «non sono uno scrittore, non ho mai scritto niente, chiedete ad altri», ma l’editore ha insistito e alla fine si è trovato a lavorare con Alexander Steffensmeier, un illustratore 25enne che del libro ha fatto la sua tesi di laurea!, dando anche una mano a Korn sulle parti storiche. Il prossimo è in fase di ideazione e ci vorranno due anni per la chimica-in-cucina.

Maestri? « . Un’artista austriaco difficile da definire in un ambito specifico perché ha lavorato con i fuochi d’artificio, ha scritto libri, prodotto programmi di grande successo per la TV e redatto molti scripts televisivi e per l’animazione dei musei scientifici. Lui ha delle grandi idee che applica in diversi campi».



Nelle immagini Magic Andy in alcuni momenti dei suoi spettacoli

Potrebbe interessarti anche: , Ad Ascona la mostra tematica Arte e Perturbante , Biennale di Venezia 2017: Viva arte Viva. Da Roberto Cuoghi a Damien Hirst , Lucca Comics 2016: Da Zerocalcare a Gipi, fino ai Cosplay , Anime nere: la Calabria tra letteratura e cinema , Addio a Mario Dondero, fotografo del '900 più vero

Allerta Coronavirus Attenzione! Se vi trovate in una delle regioni in cui vige l'ordinanza riguardante l'emergenza Coronavirus, ricordiamo che tutti gli eventi in programma dal 24 febbraio al primo marzo 2020, sono annullati. Per ulteriori informazioni è possibile contattare direttamente gli organizzatori dei singoli eventi.