Nuova Collana di teatro: Pedane Mobili - Magazine

Teatro Magazine Martedì 13 febbraio 2001

Nuova Collana di teatro: Pedane Mobili

Magazine - Teatro del Lemming
di Franco Vazzoler e Marco Berisso
Editrice Zona
(L. 28.000)


Nudo. Sincero. Diretto.
Dalla mente al foglio. Dalla conversazione alle parole dattiloscritte. Dal mondo effimero di incontri casuali a quello della memoria che si conta in numeri di pagine.
Un libro spogliato degli ordinari orpelli legati alla carta stampata e alla lingua scritta: quella che racconta senza "dire", che analizza senza "descrivere", che disserte senza "rappresentare".
Il libro Teatro del Lemming, sull’omonima compagnia teatrale di Rovigo, è un libro che racconta tutto di sé, dei suoi autori e del suo soggetto: un gruppo di teatranti, ognuno con la sua storia che nel libro si intreccia a quella degli altri e a quella degli autori. È un testo che non offre resistenza, entra in contatto diretto partendo da un capitolo in cui la narrazione procede per fotografie.
Ma non c’è la didascalia! No. Fermate il vostro orrore.
Nessuna parola deve interagire con le immagini: è una storia che procede per un percorso visivo, bando alla lingua. Il recupero avviene già dal secondo capitolo dove comunque lo stile cerca di afferrare l’immediatezza delle situazione, l’occasionalità degli eventi e degli incontri: Ripescare, insomma, l’intera esperienza che sta dietro l’ideazione, la stesura e la pubblicazione del libro. Forse, forse, si potrebbe partire dalla postfazione per accettare la sfida di non essere spettatori/lettori passivi ed interagire con il cartaceo così come propone la sua stessa forma: ribellandosi alla rigidità. Di cosa parla? Parla di un’esperienza editoriale nata per catturare una serie di conversazioni personali, stimolate da un nuovo essere spettatori emancipati dall’essere pubblico nell’edificio teatrale, offerta dal Teatro del Lemming, a Genova qualche anno fa.
Parla di consapevolezza e di passione. Sono raccontati e descritti i percorsi di una compagnia fischiata da due critici genovesi (leggete il libro per saperne di più) ma applaudita ovunque.
Il libro non è un esperimento isolato, un episodio - come tanto buon teatro che passa in città - bensì il primo volume di una collana che si chiama Pedane Mobili, (della Editrice Zona), che vuole occuparsi di compagnie con un’esperienza decennale (o giù di lì) che in Italia oggi si dedicano allo sviluppo del fare teatrale e sperimentano... Sperimentare, ma cosa vuol dire?

Interviene Franco Vazzoler, autore del libro insieme a Marco Berisso: "Fare un lavoro di ricerca dentro se stessi. Nella relazione tra attori, tra attori e testo, tra attori e spazio. La sperimentazione sta tutta nel laboratorio, che è un concetto completamente diverso dalla pratica delle prove, che sono burocratizzate e strumentali ad una messa in scena vincolata da tempi ristretti. Nel laboratorio si fa teatro con quello che si ha per le mani."

Tornando alla collana, il prossimo volume (in programma per aprile) si occupa, per mano di Stefano Casi, di Andrea Adriatico e della compagnia ":riflessi teatri di vita", gruppo bolognese.

Interviene Paolo Gentiluomo: "La collana si rivolge a compagnie non ancora storicizzate, tipo la Socìetas Raffaello Sanzio di Cesena. Compagnie molto vivaci e vitali nel loro progettare, molto propositive. In entrambe i volumi, si fa un teatro che lavora sullo spettatore, e sui modi tradizionali di fruizione che vengono messi in discussione, rivisti."

Interviene Franco Vazzoler: "Si tratta di due esperienze molto personali e dunque molto diverse. Quello che le lega è il tenere conto dello spettatore e non del pubblico, come momento indifferenziato, ma piuttosto occuparsi del singolo che partecipa all’evento."

Non aspettatevi di ritrovare la stessa cosa nel secondo volume.

Interviene Franco Vazzoler: "La struttura dei volumi non è rigida. È previsto per tutti che ci sia una parte di racconto per immagini, e gli apparati bibliografici, teatrografici, filmografici, etc. Però la parte di saggistica dipende dalla materia e dal rapporto degli autori con la compagnia."

In un’era di ipertesti, il libro Teatro del Lemming non fa che accogliere il suo tempo e catturarne il divenire come testimonianza non solo particolare sul teatro ma anche sulla cultura del nostro tempo: non risparmiandone né il bene né, tantomento, il male.

P.S.
Franco Vazzoler (con l’aiuto di Paolo Gentiluomo) è il curatore della collana. Il primo volume verrà presentato in anteprima a Mestre in occasione della messa in scena di "Odisseo" della compagnia Teatro del Lemming. Un secondo momento di incontro con libro e compagnia a Parma al teatro delle Briciole alla fine di Febbraio.
Chi fosse interessato al libro può contattare la casa editrice perché nelle librerie sarà in circolazione solo tra marzo e aprile 2001, ecco il link:
www.editricezona.it e l'email:

Potrebbe interessarti anche: , Giudizio Universale: la Cappella Sistina secondo Marco Balich , Artisti e progetti vincitori di #UBU40 accanto a quelli di Hystrio, Rete Critica e ANCT , Turandot: la trama dell'opera, tra un principe pirlone e donne con scarsa autostima , Acqua di colonia: il colonialismo italiano secondo Frosini/Timpano , Dall'Olanda il teatro-incontro in Perhaps All The Dragons dei Berlin