Magazine Lunedì 31 ottobre 2005

Quanto ci manchi Pier Paolo

Magazine - Trent’anni fa moriva Pier Paolo Pasolini.
Era il 2 novembre del 1975 e l’Italia perdeva un intellettuale, un poeta senza precedenti e, probabilmente, senza veri eredi. Un uomo che aveva sempre scelto di adottare uno sguardo alternativo, e per questo rischioso, ad ogni altro avamposto intellettuale, sulle trasformazioni sociali e culturali del nostro paese.

L’associazione culturale organizza, in questo triste anniversario, un occasione di riflessione e memoria sulle parole e sui segni che la vita, l’opera e l’omicidio stesso di Pasolini ci hanno lasciato.

Martedì 1 novembre, nell’atrio di Palazzo Ducale, dalle 18 alle 20, verrà realizzata la video proiezione di un montaggio libero e indiretto di opere dell’autore bolognese, con l’obiettivo di creare uno spazio d’incontro in cui confrontarsi sulla sua eredità culturale. Sarà inoltre distribuita una selezione di brani tratti dai suoi scritti e dalle sue interviste.

La partecipazione all’iniziativa è gratuita.
Per informazioni consultate il sito dell’associazione: www.alfabeti.org . Oppure chiamate lo 010 5955208.

Nella foto Pier Paolo Pasolini

di Giorgio Viaro

Potrebbe interessarti anche: , La maledizione della peste nera: l'epidemia ritorna a Genova. Il nuovo thriller di Daniel Kella , La regola del lupo: un omicidio sul Lago di Como. L'ultimo libro di Franco Vanni , Il gusto di uccidere, la Svezia di Hanna Lindberg. L'intervista , Il gioco del suggeritore di Donato Carrisi: intrigante favola nera in bilico tra reale e virtuale , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione