Magazine Lunedì 17 ottobre 2005

Libri dei nostri tempi

Giuliana e Patrick, nel catalogo 2005-06 della vostra casa editrice vi sono delle novità. Ce ne volete parlare?

«Sondiamo tutte le mura. Avviamoci su tutti i sentieri. Scrutiamo tutti gli abissi. Nihil intentatum.... Come diceva Teilhard de Chardin, stiamo scrutando altri orizzonti, terre lontane, come l’Islanda, che gli scatti di Patrick Desgraupes rendono con una precisione e un rilievo unici, grazie a una fotocamera a grande formato. Inoltre, all’interno della collana Grandi libri illustrati, abbiamo deciso di pubblicare un singolarissimo atlante del mondo equino, il volume Cavalli, di Yann-Arthus Bertrand, in cui accanto al cavallo compare il suo proprietario, dal gaucho argentino al falconiere kirghiso, supportato da un testo appassionante di Jean-Louis Gouraud, che ha percorso a cavallo i tremila chilometri tra Parigi e Mosca. E poi, visto il successo di Microcosmos, gli autori Claude Nuridsany e Marie Pérennou hanno realizzato il loro secondo film, Genesis, la cui uscita nelle sale è contemporanea alla pubblicazione del nostro omonimo volume fotografico; la nascita della vita sulla nostra terra narrata dall'attore shakespiriano Sotigui Kouyaté, che riveste i panni di un griot africano».

Molte delle vostre pubblicazioni hanno un aspetto pedagogico. Novità di quest'anno sono La vita selvaggia raccontata ai bambini e I fari raccontati ai bambini. Avete mai proposto i vostri testi alle scuole?

«Molte biblioteche annoverano già alcuni titoli del nostro catalogo. Inoltre sia la collana Il tappeto volante che la seconda collana che abbiamo inaugurato, L’albero della palabra, possono essere un utile strumento didattico, anche se noi purtroppo non siamo ancora riusciti ad entrare in diretto contatto con il mondo della scuola. Ma continuiamo a pubblicare collane per bambini. L’album L’Africa, piccolo Chaka…, ad esempio, per conoscere il mondo africano attraverso i dialoghi di Papa Dembo che ne racconta i colori al nipotino».

La nuova collana Urban way sembra invece sentire forte l'esigenza di calarsi nel linguaggio dei ragazzi. Come mai?

«L’idea è quella di proporre una carrellata del mondo urbano, dalle sneakers, ai graffiti, al cellulare: nel nostro approccio multiculturale non potevamo restare insensibili a queste esperienze creative universali, che con la loro esuberanza ed effervescenza partecipano ad una rivoluzione globale. Domenica 25 settembre l’inserto di Repubblica ha dedicato due pagine ai graffiti, con il nostro volume Graffiti world in evidenza. Ne siamo fieri. La direzione è quella. Avviarsi sui sentieri inesplorati».

Edith de la Heronnière, scrittrice che con il suo Diario Siciliano lo scorso anno mi entrò nel cuore, è stata quest’anno al Festival di Mantova. In mezzo a nomi come McEwan e Yehoshua, come è stata accolta dal pubblico?

«È stata molto contenta di Mantova: ha presentato tutta la sua opera, per Sellerio La Ballata dei pellegrini, sul pellegrinaggio fatto da lei a Compostela, e per L’ippocampo la biografia del pioniere del pensiero cristiano postmoderno, Teilhard de Chardin – Una mistica della traversata, davanti a un pubblico folto e attento. Purtroppo i giornalisti non l'hanno contattata, e questo ci rammarica. Però su di lei sono usciti parecchi articoli: quello di Alessandra Jadicicco, che nutre per la Edith filosofa una profonda venerazione, una pagina intera sul Giornale, una recensione su Famiglia Cristiana e una sul Foglio. Giuseppe Scaraffia ne ha parlato sul Sole 24ore e Chiara Crepella di Stilos, un giornale sicilano, ha omaggiato la scrittrice che a sua volta aveva omaggiato la loro terra».


Giuliana e Patrick Le Noel, nel loro tono, nei loro gesti, hanno sempre l’eleganza con cui li ho conosciuti, e sanno quanto io sia sensibile alla loro collana il Kimono. Fa parte di quei libri da borsetta, quei piccoli taccuini che apri e ti tengono compagnia quando le parole intorno, su un bus, o mentre si fanno le code negli uffici, sono solo di rabbia e arroganza. Nella collana il Kimono le novità sono ben quattro: oltre a Teilhard de Chardin, Un bel mattino d’estate di Laurie Lee, l’autobiografia di uno dei grandi poeti inglesi del Novecento, L’odalisca perduta di Adrien Goetz, ambientato nella Parigi dell’epoca romantica, sugli sfondi della baia di Napoli, alla ricerca del capolavoro di Ingres La Dormiente di Napoli e Ana No, di Augustin Gomez-Arcos, la storia dell’attesa di una donna, in un porticciolo Andaluso, del proprio figlio rimasto prigioniero in un carcere nel nord della Spagna durante la guerra civile.

Patrick va sempre, libraio dopo libraio, a proporre i propri libri, per avere con loro un rapporto diretto. Una distribuzione della cultura che ha ancora il sapore antico del passaparola.
Auguri Giuliana e Patrick.

Marina Giardina
di Giorgio Viaro

Potrebbe interessarti anche: , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin , MiniVip&SuperVip. Il Mistero del Viavai di Bozzetto: il cinema si fa fumetto , Il segreto del faraone nero, una nuova stoccata letteraria di Marco Buticchi , Auguri Andrea Camilleri! Lo scrittore compie 93 anni, la recensione del Metodo Catalanotti

Oggi al cinema

Un affare di donne Di Claude Chabrol Drammatico Francia, 1988 Guarda la scheda del film