Concerti Magazine Venerdì 14 ottobre 2005

I fiori di Alberto Fortis

Domenica 17 ottobre, alle 17.30, Alberto Fortis sarà a Genova. L’occasione: uno show case alla FNAC, con il cantautore piemontese che si esibirà live per presentare il suo ultimo album, Fiori sullo schermo futuro, e in particolare il nuovo singolo in uscita, Quieres love, dove fa coppia con Rossana Casale.

Splendido cinquantenne, Fortis celebra oltre 25 anni di carriera con un album pop-rock pieno di energia e di idee. «Per me nella musica sono fondamentali autenticità e attualità», mi spiega Alberto. «Per ottenere questo risultato ho riunito per l’album una famiglia di musicisti che mi ha accompagnato nelle tappe fondamentali della mia carriera. Oltre che grande qualità ne è derivato un rapporto intimo, viscerale, tra me e loro, che ha dato ottimi risultati».
Tanto suggestivo quanto enigmatico il titolo scelto per questo lavoro: «Faccio riferimento all’insegnamento fondamentale di molti dei grandi maestri del pensiero filosofico-religioso: la via per celebrare la propria esistenza è l’armonizzazione degli opposti: notte e giorno, odio e amore, vita e morte. Qui i fiori rappresentano la natura, le nostre origini, mentre lo schermo futuro racconta del progresso telematico inarrestabile che viviamo in questi anni».

Fortis racconta della sua musica con grande calore, e s’appassiona ancor più quando il discorso cade sul rapporto tra la sua musica e le immagini. «La mia scrittura musicale si ispira a quella visualità delle liriche che in qualche modo inventarono i grandissimi Lennon e McCarthy. Così è come se le canzoni nascessero già come vidoclip. E poi subisco l’influenza dell’altra mia grande passione, ovvero il cinema: i maestri come e , ma anche molto cinema di Spielberg, A.I. per esempio, o Minority report che mi ha influenzato molto in questo disco».
Di fronte ad un progetto così palesemente toccato nei temi dai progressi tecnologici, diventa quasi inevitabile parlare delle conseguenze di tali progressi sull’editoria musicale.
«Siamo di fronte ad una metamorfosi epocale ineluttabile di tutta la struttura di quest’industria. Far finta di niente è inutile. Certo, un danno economico c’è stato, ma ci sono anche vantaggi evidenti. Per esempio ora riescono ad emergere attraverso i nuovi canali piccoli gruppi che altrimenti non sarebbero mai riusciti a trovare spazio. Ed in generale questo è un periodo di grande floridità per la musica. Non c'è dubbio che la creatività, la sorgente artistica, vada sempre tutelata, ma questo è prima di tutto un discorso culturale, di mentalità».

Domenica alla FNAC sarà dunque ghiotta l’occasione sia per i fan consolidati di Alberto, sia per chi vorrà scoprirlo o riscoprirlo.
Nota a margine per stuzzicarvi l’appetito: al CD è abbinato un DVD che contiene un diario di lavorazione per immagini, una sorta di backstage dell’album. E poi spezzoni live, videoclip (anche demo del tutto inediti) e altro ancora. I collezionisti si leccheranno i baffi.

Nella foto Alberto Fortis

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

Shark Il primo squalo Di Jon Turteltaub Azione U.S.A., 2018 Un sommergibile oceanico – parte di un programma internazionale di osservazione sottomarina – viene attaccato da un’imponente creatura che si riteneva estinta e che ora giace sul fondo della fossa più profonda del Pacifico...... Guarda la scheda del film