Magazine Venerdì 7 ottobre 2005

Due convegni e un cannellone

Magazine - Autunno, e, come le nespole, fioccano i convegni. Il vostro cronista culturalmondano prediletto (cioè io) è andato a quello dell’ , la più importante rivista letteraria d’Italia (e, come sa il mio grande amico e perenne implicit reader , anche una delle riviste su cui scrivo io). Il tema era La cultura italiana fra autonomia e potere per i vent’anni dell’Indice 1984-2004, i relatori di qualità strabiliante così come il livello, anche quantitativo, dei coffee break e dello standing lunch, in cui si chiacchierava amabilmente con il provocatorissimo economista e umanista e/o con la psicanalista e altro oltre che con la scrittrice di fòlber o ancora con il grande Gian Giacomo Migone, che è identico al procuratore Pier Luigi Vigna, però insegna a Torino e beati i suoi allievi.

Un altro convegno è quello che, da 6 anni, organizza a Imperia l’infaticabile . Ogni anno la Revelli si inventa qualcosa da collegare a Ulisse, questa figura così vicina così lontana, peggio che un film di e per fortuna più interessante.
Quest’anno si parlava di Ulisse e abissi e, stranamente, nessuno ha evocato un verso di salmo fra i più amati dal nostro amico Fransè Biamonti: abyssus abyssum invocat (Sal 41,8). Di tutti gli altri abissi si è invece parlato, da quelli di che , in una cavalcata che manco Ribot o Varenne ha collegato a chiunque, da Eliot a Pinocchio a , passando per Flaubert, senza dimenticarsi di Maria Corti e di un principe come .

È bello sentirsi ignoranti, quando i sapienti sono di questo livello; e ai convegni di Revelli sentirsi ignoranti è facile, se ci sono, come ci sono, personaggi tipo , che da giovane ha fatto anche il regista e ora potrebbe fare benissimo l’attore in qualche film americano tipo di , l’orientalista veneziano Gianroberto Scarcia, dall’eccentriche il vulcanico iberista genoano (grande il suo paper su Julio Cortàzar), il mio amico , l’islamista romano de e, non si sa perché compare ultima di una lista assai lacunosa per motivi di spazio (si sa benissimo, si sa: e voialtri mattacchioni l’avete inteso), , arabista veneziana occhiturchina – così l’avrebbe chiamata , dedicandole una poesia della Bordellesca - che insegna a Genova.

Cosa si fa a un convegno, oltre a prendere appunti? Voi lo sapete: si prende parte ai buffet, ai coffee break, alle colazioni in piedi. A Imperia, resteranno memorabili i , che tutti abbiamo mangiato, eccetto uno. Chi è questo uno, vi domanderete? Ma è il deus ex machina del consesso, l’Orfeo che, al convegno, ha trovato una sua Euridice temporanea, la Miss Ulisse 2005, e di quella si è nutrito, anche se per poco. Chi è? È contenuto in questo reportage e voi l’avete già indovinato di sicuro, gentili amici e non della ventura.

di Giovanni Choukhadarian

Potrebbe interessarti anche: , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin , MiniVip&SuperVip. Il Mistero del Viavai di Bozzetto: il cinema si fa fumetto , Il segreto del faraone nero, una nuova stoccata letteraria di Marco Buticchi , Auguri Andrea Camilleri! Lo scrittore compie 93 anni, la recensione del Metodo Catalanotti

Oggi al cinema

Il disprezzo Di Jean-Luc Godard Drammatico Francia, Italia, 1963 Camille, moglie dello scrittore Paul Javal, si invaghisce del ricco produttore cinematografico che ha assunto proprio Paul per scrivere una sceneggiatura. Finirà per abbandonare il marito… Guarda la scheda del film