Magazine Mercoledì 5 ottobre 2005

Bacci Pagano, ancora tu!

Magazine - Ancora Bacci Pagano, ancora un caso di omicidio da risolvere, ancora il suo intuito acuto e la sua lingua pungente. Il terzo atto della saga si intitola La creuza degli ulivi, le donne di Bacci Pagano (Fratelli Frilli Editori), verrà presentato – venerdì 7 ottobre alle 18.00 presso la libreria Feltrinelli di via Venti Settembre - dall’autore Bruno Morchio, insieme ai giornalisti Laura Guglielmi (Il Secolo XIX) e Pietro Cheli (Diario).

Agosto 2001, caldo afoso, città deserta. Bacci è incazzato nero perché mentre lui se ne sta da solo a Genova, Mara (la sua fidanzata) si trova in barca a vela insieme a un suo collega, nell’isola greca di Kassos. Il sarcasmo di Bacci sul nome del luogo è chiaro no?
E se ci mettete anche che è appena finito il G8, fate voi che bella estate. Insomma, il nostro detective annaspa.

«Gran parte del libro è stata scritta prima, nel 2000», dice l’autore. Se abbiamo fatto bene i conti , Maccaia è stato il primo in ordine di redazione, Una storia da Carruggi il terzo, quest’ultimo il secondo. Il quarto è ovviamente già in cantiere.

E ora l’intreccio. La moglie di un cardiochirurgo milanese trasferitosi a Genova, chiama Bacci per seguirlo. «Una questione di corna», dice Bruno. L’investigatore, come si dice in slang genovese, ce n’ha per il belino, ovvero, non ne vuol sapere di dedicarsi al caso.
«Inquisito per corruzione all’epoca di Tangentopoli – dice Bruno - il medico è in stretti rapporti con tale Sangallo, Ministro nel neoeletto governo di centro destra. Alla fine Bacci decide di accettare, per vedere se almeno riesce a rompere un po’ le palle a questi personaggi».

Prende il via l’indagine, Bacci chiama una serie di donne (da qui il sottotitolo) e quando ormai ha perso ogni speranza, succedono molte cose. Valeria, una sua vecchia fiamma, torna a chiamarlo. Nel frattempo una ragazza viene trovata morta nella casa rossa di Sant’Ilario. Linda, la vittima, è un’amante del chirurgo milanese, ma l'investigatore è convinto che il colpevole non sia lui. Stop.

«Questo romanzo non è un giallo - dice Bruno Morchio - come va a finire la storia si capisce abbastanza presto. È piuttosto un noir, incentrato sui rapporti famigliari e sentimentali, sulla separazione, sulla rottura di questi legami». I personaggi hanno una storia famigliare critica da raccontare: del medico già sappiamo; il protagonista, invece, c’ha i problemi suoi con Mara e la vittima era scappata di casa a diciotto anni. Insomma. «Anche Bacci, che pur mantiene la sua verve, in questa vicenda è più intimista, più propenso all’approfondimento psicologico», dice Morchio.

Di certo il detective dei carruggi non rinuncia alle battute: quando gli viene chiesto che cos’è secondo lui la fedeltà risponde: «Uno spreco. Rende cattivi e talvolta fa anche venire brutte malattie».

Nella foto: Bruno Morchio, l'inventore di Bacci Pagano

di Daniele Miggino

Potrebbe interessarti anche: , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin

Oggi al cinema

Tre volti Di Jafar Panahi Drammatico Iran, 2018 Quando riceve il video di una giovane che implora il suo aiuto, la famosa attrice Behnaz Jafari abbandona il set e insieme Jafar Panahi si mette in viaggio per raggiungere la ragazza. Il film è stato premiato al Festival di Cannes. Guarda la scheda del film