Weekend Magazine Sabato 1 ottobre 2005

Il racconto di un quadro

Magazine - Domenica 2 ottobre 2005 è la Seconda giornata nazionale degli amici dei musei indetta dalla FIDAM (Federazione Italiana delle Associazioni Amici dei Musei).
La giornata è intitolata Un’opera un museo ed è posta sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica Italiana e patrocinata dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali.

Con questa manifestazione si vuole favorire la valorizzazione di un’opera o una collezione o una raccolta del patrimonio culturale italiano non abbastanza nota e apprezzata. In particolare, nella nostra città, gli , su indicazione di Piero Boccardo, direttore dei Musei di Strada Nuova, hanno deciso di portare all’attenzione del pubblico l’affresco della Allegoria della Primavera, eseguito da in uno dei saloni di .

Sarà lo stesso Boccardo a “leggere” l’opera raccontandone la storia, il significato iconografico e l’eccezionale valenza artistica. L’appuntamento è perciò presso la Galleria di Palazzo Rosso, in via Garibaldi 18, alle ore 15.30. L’ingresso è gratuito e la partecipazione è aperta a tutti; è gradita la prenotazione presso la segreteria degli Amici dei Musei (tel. 010 581584).

Per meglio conoscere l’attività dell’associazione genovese è possibile consultarne il sito www.amicideimuseigenova.it che riporta il programma dettagliato dei prossimi mesi che prevede, tra i primi di ottobre e metà novembre, una visita alla Biennale di Antiquariato di Firenze; una serie di iniziative sul tema Arte e Natura con visita del a Capalbio, del giardino di a Seggiano e del parco di a Montemarcello; la rassegna cinematografica Da Weimar ad Hitler – Immagini dell’Arte Degenerata; visite alle principali mostre in corso in città, tra cui, prossimamente, all’esposizione Romantici e Macchiaioli a Palazzo Ducale; visite ai musei e conferenze di argomento artistico. La segreteria degli Amici dei Musei Liguri è comunque a disposizione di tutti gli interessati in via San Sebastiano 4/ 1A, tutte le mattine dalle 10 alle 12.30.

Nella foto un particolare di un'opera di Gregorio De Ferrari