Circumnavigando a Ponente - Magazine

Teatro Magazine Venerdì 30 settembre 2005

Circumnavigando a Ponente

Magazine - L’1 e il 2 ottobre, dalle 16.30 alle 22.30, le strade e le piazze di Sestri Ponente si animeranno delle esibizioni di clown, musicisti, di videoart, parate, giochi per i bambini in una festa per e con gli abitanti della città e per tutti coloro che vogliono scoprire quante potenzialità può riservare uno dei quartieri più popolati e vivaci di Genova. L’Associazione Culturale Sarabanda insieme al Consorzio Operatori Sestri Ponente è particolarmente orgogliosa di presentare la I Edizione di Circumnavigando a Ponente. In programma: dall’Inghilterra Chris Lynam, uno fra i più noti ed apprezzati clown in Europa e Otto Panzer, clown nostrano da Bari; il laboratorio del Teatro delle Nuvole a Villa Rossi; la Batucada dei Rosa Dos Ventos; la videoart dei Genova Visual Boarder; le performance circensi della Scuola di Circo Flic di Torino; la musica del Tabaduo (Beppe Ambrosini e Rachele Rebaudengo); Michela La Fauci; i Cap 16100; i Margot e della Fortunato Family Band (direttamente da Sestri), i giochi per i più piccoli della Ludoteca, lo spettacolo realizzato in collaborazione con AMIU di Boris Vecchio e Daniela Biava.

Cirumnavigando a Ponente aderisce a AH!AH!AH!: La Risata Patrimonio dell’Umanità, l’iniziativa promossa dal Festival del Teatro di Strada di Torino: una riflessione sul valore della Risata nella "seria" società contemporanea. Sono state realizzate delle apposite scatolette "porta risate" e un "esercito" di clown (di cui un rappresentante sarà presente l’1 e il 2 ottobre per le strade di Sestri Ponente) sta raccogliendo sulle strade, nelle piazze e negli ospedali d’Italia le risate delle persone. Il clown di Circumnavigando a Ponente chiederà di registrare una risata che poi verrà "impacchettata" insieme alle altre e consegnata all'UNESCO il 16 novembre, anniversario della costituzione del Comitato Patrimonio Mondiale.

Il Consorzio Operatori Sestri Ponente riunisce, sotto il logo dell’omino blu che cammina sotto le stelle, gli operatori economici di Sestri. La storia e le tradizioni di quartiere, sono aspetti che vengono trasferiti giornalmente attraverso il lavoro di queste imprese unite nel più grande centro commerciale naturale all’aperto di Genova. L'organizzazione e la realizzazione di eventi culturali svolta in questi anni è il tentativo di creare una città delle occasioni, degli incontri, dove la gente si ferma a meditare, a giocare. Dove il tempo riacquista valore. Il prossimo appuntamento è fissato dal 24 ottobre al 30 ottobre, con la mostra fotografica Gli uomini che si voltano.

Le giornate di animazione si svolgono in collaborazione con Villa Rossi - Centro dei Linguaggi espressivi della contemporaneità: un progetto che prevede la creazione e lo sviluppo di un nuovo centro per l'arte e la cultura contemporanea nella Villa Rossi di Sestri Ponente, teso a riqualificare e gestire l'area (dismessa dopo il trasferimento della scuola elementare nel giugno 2004). In programma: laboratori attrezzati e atelier artistici, sale prova per teatro musica e danza, una ludoteca per i più piccoli, spazi espositivi, una foresteria. Queste le idee in fase di sviluppo per dare vita ad un centro di espressione creativa - di produzione, programmazione e formazione - attento all'innovazione, in particolare nell'ambito della musica, delle arti visive e performative; che abbia un forte accento sul "fare" artistico e metta a disposizione spazi in cui le arti si possano incontrare, comunicare, ospitare, studiare, giocare, ridiscutere e rinnovare.

Circumnavigando a Ponente
Sestri in Festa
via Sestri e dintorni
1 e 2 ottobre 2005
dalle 16.30 alle 22.30

Potrebbe interessarti anche: , Giudizio Universale: la Cappella Sistina secondo Marco Balich , Artisti e progetti vincitori di #UBU40 accanto a quelli di Hystrio, Rete Critica e ANCT , Turandot: la trama dell'opera, tra un principe pirlone e donne con scarsa autostima , Acqua di colonia: il colonialismo italiano secondo Frosini/Timpano , Dall'Olanda il teatro-incontro in Perhaps All The Dragons dei Berlin