Concerti Magazine Lunedì 12 settembre 2005

Canzoni e favole

Guarderò le stelle,
com'erano la notte ad Arles,
appese sopra il tuo boulevard;
io sono dentro agli occhi tuoi,
Víncent…


Sono questi i versi con cui si è alzato il sipario ieri, 11 settembre, sul concerto di alla . Palco scarno, atmosfere intimiste (che più intimisti di Vecchioni è dura), ad accompagnarlo un contrabbasso e un piano, cui concede debite parentesi d’assolo. Luci calde, tempi dilatati e un repertorio che oscilla tra il filologicamente corretto e succosi riarrangiamenti jazz, rendendo il suo live davvero unico.
Roberto si prende i suoi tempi, si emoziona con la sua gente e con la sua vita, con i suoi cazzi e con quelli di tutti gli eroi poeti maghi cavalieri gente da niente che ha cantato nella sua vita, chiudendo in un abbraccio solo, sempre, il fango e le stelle.

Parte con tre canti d’amore, Vincent, la rara Canto notturno di un pastore errante dell’aria e la struggente Figlia (vorranno la foto col sorriso deficente/ diranno: "Non ti agitare, che non serve a niente"/ e invece tu grida forte/ la vita contro la morte), poi devia su territori di divertita malinconia, Blumùn e Le mie ragazze, lascia spazio a piano e contrabbasso, si ripiega su sé stesso con E invece non finisce mai e La bellezza, e poi infila in scaletta addirittura Parabola, sbucata direttamente dal suo primo album (1971 ragazzi, mica pizza) e rivista con ferocia.

Tra una canzone e l’altra s'alternano le favole, Il soldatino di stagno, Pollicino, Mignolina e tante altre, e a chi gliene chiede un’altra Roberto risponde «queste sono verità, le favole ve le raccontano altri».
Parole alla platea mica tante, o tantissime magari, che quando Vecchioni canta non è che sta lì a gorgheggiare, stà lì a parlare con te, ma un paio di guizzi d’ironia li mette giù comunque, e quando salva un microfono dalla caduta se ne esce con «Che riflessi che c’ho ragazzi, magari ce li avesse Julio Cesar!».
Poi arrivano i must, Milady (con tanto di strofa bucata che manda in para gli strumentisti), Samarcanda e Luci a San Siro, alternati con i fondi del suo del cuore, Celia de la Cerna che gli porta via due lacrime, l’abbraccio arreso di Viola d’inverno (E dopo aver diviso tutto/ la rabbia, i figli, lo schifo e il volo/ questa è davvero l'unica cosa che devo proprio fare da solo/ E dopo aver diviso tutto/ neanche ti avverto che vado via/ ma non mi dire pure stavolta/ che faccio di testa mia/ tienila stretta la testa mia) e le confessioni sbilenche di Le lettere d’amore.

Arriva il momento dei bis: Vecchioni chiude in controtempo, come fa da una vita intera. Chiude con l’orgoglio smisurato d’esser uomo di fronte al Signore della stazione di Zìma, con l’orgoglio morente del bandolero stanco e poi, proprio all’ultimo, alla fine fine, che t’aspetti Voglio una donna o Il tuo culo e il tuo cuore o roba così, ti ritrovi con Alighieri, anno 1975.
«Canzone scritta da un professore di liceo dopo una notte insonne e una sbornia, appena mollato dalla sua donna».
Canzone che, dopo due ore e un quarto di poesia spudorata, chiudesi così (essa e il concerto): «e vaffanculo a tutto!».
Signore e signori, Roberto Vecchioni.

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

Il grinch Di Yarrow Cheney, Scott Mosier Animazione 2018 Guarda la scheda del film