Concerti Magazine Venerdì 9 settembre 2005

A tu per tu con il Rock Progressivo

«Scelte chiare» afferma Riccardo Storti alla base di Impressioni di settembre, la quarta edizione della manifestazione tutta dedicata al rock progressivo e organizzata dal di Genova, sabato 10 e domenica 11 settembre (@ l'associazione Nonsolomorego, via morego 48, 010 710670). «L’idea di base è concentrarsi su percorso monografici: un disco o un momento di punta all’interno di questo genere musicale (il rock progressivo) ».

Tre le proposte in programma che mirano non tanto a ricordare, ma piuttosto a testimoniare la vivacità di Genova rispetto ad un genere musicale estremammente popolare ancora oggi. Per farlo: una mostra Ritagli di Progressive genovese - 1971-1976, curata appunto da Riccardo Storti e allestita da Patrizia Farina. 9 pannelli che rintracciano le tappe delle maggiori vicende del fenomeno sonoro made in Genova. Si tratta di ritagli di stampa che raccontano di concerti delle maggiori band italiane e straniere, le incisioni, i personaggi (tra cui spicca una foto che coglie David Bowie in via XX settembre), i gruppi passati da Genova e anche un po’ di gossip e curiosità intorno a quegli anni (la mostra è visitabile a partire da sabato 10, alle ore 20 e anche domenica 11 settembre dalle ore 11).

Il secondo momento è un à rebour mitico in compagnia dei Maxophone, band milanese che colse un momento con un LP ricco di intuizioni musicali. A far rivivere quelle sonorità Roberto Giuliani (vivace attore e produttore della scena musicale, fra l’altro, coautore di “Teorema”con Ferradini) e il tastierista Sergio Lattuada che, con i loro strumenti daranno vita ad un momento musicale fra il didattico e la ricerca perché, come sottolinea ancora Riccardo, «gli artisti stessi diventano collaboratori di questo progetto di recupero storico e di indagine di un certo modo di fare musica». Quale? «Gli artisti di rock progressivo si dedicarono ad espandere i confini abituali del genere», risponde con prontezza Riccardo, che oltre a nutrire una profonda passione per il genere, ha al suo attivo anche un libro Codice Zena (editrice Aereostella). E continua: «Guardarono alla musica classica, specialmente la sinfonica, al jazz e in parte alla musica popolare. Oggi chi ancora veramente si dedica a questa contaminazione (come i King Crimson o i Radiohead) è chi si rivolge e attinge da tutte le forme musicali del suo tempo e quindi anche dall’heavy metal, dal punk, dalla new age. Il maestro comunque resta Frank Zappa e non si possono dimenticare certi esperimenti di David Sylvian».
La serata con i Maxophone sabato 10, alle ore 21, prevede in esclusiva un piccolo unplugged e la presentazione di un DVD con clip inedite, immagini di studio e backstage.

Per concludere, sempre restando sulle tracce di un fenomeno che ha trovato in Genova un solido e fertile cantiere musicale, una serata, domenica 11 alle 21, interamente dedicata all’etichetta discografica Magma/Grog, fondata nel 1973 da Vittorio De Scalzi dei New Trolls. La forza dell’appuntamento sta negli ospiti perché come ha affermato Riccardo, la nostra è un’iniziativa low budget, ma il presupposto è non farsi mancare niente. Saranno presenti quindi Vittorio De Scalzi, Massimo Gori (Latte e Miele), i Pholas Dactylus quasi al completo, Alessio Feltri della Corte dei Miracoli, Guido Festinese (critico musicale de “Il Manifesto”), il musicologo Enzo Alfano (autore di Fra tradizione colta e popular music: il caso del rock progressivo), che esporrà l'analisi del Concerto Grosso n. 2 dei New Trolls, ma anche Sergio Muzzolon del New Trolls Fan Club (attivissimo dal 1971 e, quindi, testimone determinante) e l’esperto discografico, nonché collezionista, Pietro Dacci.

Per chi non ne ha mai sentito parlare, per chi ascoltava i Genesis negli anni ’80 e pensa che tutto si sia fermato lì, per chi ama la musica, il rock e non disdegna la sperimentazione.

Ah, dimenticavo: l'ingresso è libero.

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

Darkest Minds Di Jennifer Yuh Nelson Fantascienza U.S.A., 2018 Dopo che una malattia sconosciuta ha ucciso il 98% dei bambini, il 2% dei sopravvissuti sviluppa misteriosamente dei superpoteri. Proprio a causa delle loro straordinarie abilità, i ragazzi vengono dichiarati una minaccia dal governo e rinchiusi in campi... Guarda la scheda del film