Concerti Magazine Sabato 20 agosto 2005

Quelli che il Tenco

Magazine - Sette ragioni per pranzare con quei del Tenco

1) Antonio Silva: già coi in un disastroso concerto in piazza Colombo anni or sono (1976! fra un po’ non ero manco nato) ma investito allora dal leggendario : «da oggi, figlio mio, tu presenterai il Tenco usque ad consummationem nostram». Capisce di musica, vino, Gadda, Orazio e, come tutti i presidi e presentatori, è un gran contaballe (oh, ma dice in giro che è sposata con lo , ròba de màtt!)

2) Roberto Coggiola: uruguagio di nascita (come e , fotografo per passione e professione e, al Tenco, responsabile organizzativo e coordinatore dell’ambaradàn. Un uomo che, quando arrivò nel ’79 aveva tutti i suoi dischi, così come, l’anno dopo, conosceva tutto del sommo . Bevitore raffinato pure lui, ama la compagnia e, come tutti noialtri, . Tupamaro anarchico, disincantato e sognatore: in realtà, un poeta.

3) bellissimo disco di Sergio Endrigo(1969), , ma in realtà senso di tutte le volte che ci si vede con loro due e gli altri del Tenco. Cioè, 3 ore e mezzo a mangiare frittura di pignurìn, bere prosecchini e spettacolare all’ e parlare di qualsiasi cosa, da a Richard Gere, cui somiglio da matti ultimamente, senza mai dimenticarsi la regola fondamentale, di Coggiola sr.: comanda chi lavora!

4) Il Tenco 2005: la trentesima edizione, 10 anni da che è morto Amilcare Rambaldi. Per l’occasione, questa volta ci sono tutti, con gli occhi rossi e il cappello in mano (ecco, ): Guccini, Paoli, Vecchioni, (40 minuti con band: roba da urlo!) e poi una marea di altri, da Massimo Ranieri a Mauro Pagani (dice niente ?). Io so anche dell’altro, ma ve lo racconto giorno per giorno, .

5) I ricordi: queste ombre troppo lunghe dei nostri corpi, biascicava il vecchio Cardarelli. Ma quei del Tenco ricordano Joni Mitchell che balla sui tavoli a notte fonda, Paolo Conte che fa sentire Alle prese con una verde milonga a 2 o 3 di loro un anno prima di inciderla, Guccini che inventa il dopo-Tenco, ma poi perde le gare di rime con Amilcare Rambaldi...

6) La gioventù: ohéi, 30 anni sono una generazione, anzi adesso, forse, anche due. Niente, quei del Tenco non si fermano, son freschi come i fiori di Amilcare. Perché? Risponde Silva: «perché un presidio per la canzone d’autore ci vuole ancora». E Coggiola: «perché a Barcellona ti fermano e ti dicono: come voi, non c’è nessuno in Europa». Ma difatti: a un festival normale, sarebbe costata 150 Euro a persona. Il Tenco è ancora e sempre una rassegna democratica e militante.

7) Io e mentelocale.it: io perché gli sono simpatico (vero sciùr preside, mio implicit reader anche se prediligi certe terribili pronunzie proparossitone e mi correggi questo pezzo manco fossi un tuo allievo de II scientifico, te che peraltro sei appunto preside?) e mentelocale perché la leggono sempre e poi mi mandano mail di contumelie affettuose. Per le prossime elezioni, un impegno concreto: più Tenco per tutti!

Nella foto un'immagine di Luigi Tenco

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

Non ci resta che vincere Di Javier Fesser Commedia 2018 Marco Montes è allenatore in seconda della squadra di basket professionistica CB Estudiantes. Arrogante e incapace di rispettare le buone maniere viene licenziato per aver litigato con l'allenatore ufficiale durante una partita. In seguito si mette... Guarda la scheda del film