Concerti Magazine Venerdì 9 febbraio 2001

Il concerto di Manson

29/11/2000

Daisy mi invia un SMS: "3/2/2001, il reverendo al Filaforum di Milano" e così inizia l'attesa.

3/2/2001

Milano Filaforum ore 18.30
Scendiamo dalla 5fette verde in quattro., Ginger ci raggiungerà più tardi in treno. In mezzo a non so quanti furgoni ristoro con lo stereo che spacca sulle note del Reverendo. Poco distante dal parcheggio, la nostra "squadra" definita dal riconoscersi reciproco, si incontra con il resto degli "adepti" (15mila persone circa).

Convinti di trovarci davanti a centinaia di piccoli cloni di Marilyn Manson restiamo basiti nel verificare che i presunti sosia del Reverendo sono stati sostituiti da giovani dal look vario di un'età compresa tra i 25 e 30 anni. Dopo uno spintonaggio di circa due ore ai cancelli, dopo aver divorato tutte le schifezze acquistate sull'Autogrill e dopo aver passato indenni la perquisa della polizia in versione "the dope show", eccoci all'ultima e più grande attesa.

Ore 21.30
Siamo appena stati rapiti dai suoni malati dei Disturbed, alla faccia di tutte le bands di supporto e "cazzo che botta" la cover di shout dei Tears for Fears, ma ecco che il Filaforum si oscura, si percepiscono suoni digitali misti a voci umane ed ecco Il Reverendo Marilyn Manson in persona, anche se io lo vedo alto circa due centimentri e mezzo.
Descrivere lo show non ha molto senso perché penso che i concerti vadano vissuti. Vi potrei dire che ricrorderò il signor Manson sui trampoli in Torniquet, sospeso da terra circa dieci metri, avvolto da una pelliccia strappata in "the dope show", molto ultimo Ridley Scott nell'incitare il pubblico, molto pontificante, molto puttana con il suo chitarrista, un po' Charlotte Rampling.

Il satanismo del Reverendo lo lascio ai giornalisti e ai ragazzini invasati, piuttosto mi prendo la paura della casa delle streghe, la grossa fabbrica di cioccolato di Willie Wonka, il tifo della della finale dei mondiali di calcio e l'intensità mista ad illusione dell'ultimo desiderio.

il Giallo

potreste trovare stuzzicante anche: Leggi l'articolo

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

Ant-Man and the wasp Di Peyton Reed Azione U.S.A., Regno Unito, 2018 Scott Lang deve affrontare le conseguenze delle proprie scelte sia come supereroe sia come padre. Mentre è impegnato a gestire la sua vita familiare e le sue responsabilità come Ant-Man, si vede assegnare una nuova e urgente missione da... Guarda la scheda del film