Magazine Mercoledì 10 agosto 2005

Dalla cronaca nera al noir

Omicidio agli Erzelli (Fratelli Frilli Editori, pp. 160, 8.50 Eu) è un giallo scritto a quattro mani da due giornalisti, Andrea Casazza e Max Mauceri. Per anni si sono occupati di cronaca nera sul Secolo XIX, uno dei settori più intriganti e stimolanti di un quotidiano. Dalla loro collaborazione è nato un thriller ambientato tra Genova e Roma, ben equilibrato e costruito, in cui tutti gli elementi sembrano subito a portata di mano per svelare il mistero, ma il colpo di scena è in agguato fino all’ultima pagina.

Ecco la storia. Marianne Faraday, prostituta d’alto bordo della borghesia romana, viene uccisa nel proprio appartamento di Campo dei Fiori a Roma. Il corpo di Giovanna Turci, giovane figlia di una famiglia bene genovese, viene trovato senza vita sulla collina degli Erzelli, nel capoluogo ligure. Parte da questi due omicidi - apparentemente senza alcun legame - una trama che unirà le due città in una vicenda torbida, ma soprattutto il destino del giornalista romano Giulio Leonardi e della giovane commissaria genovese Simona Ottonello. Il racconto è in crescendo e, nonostante qualche forzatura nell’intreccio, scorre via che è un piacere.
La storia è completamente inventata, ma alcuni personaggi sono ripresi dalla realtà: «Giulio ha tutti i tic e le abitudini che avevamo noi - dice Casazza -il fotografo che sa tutto (Paolo nel libro n.d.r.) è proprio come il nostro fotografo dell’epoca».
Siamo di fronte ad un classico puzzle da ricomporre. Due ragazze morte a cinquecento chilometri di distanza, un’ipotesi che sembra non stare in piedi. Poi i pezzi iniziano a combaciare, ed è soprattutto la passione investigativa dei due a prendere campo: il reporter e la poliziotta fanno lo stesso percorso, l’uno per scriverne l’altra per scovare il colpevole. I due si aiutano e si ostacolano in un gioco delle parti. La storia assume contorni più definiti quando uniscono gli sforzi. E forse ci scappa anche del tenero. A tratti è l’intesa fra di loro (che rappresentano due mondi diversi eppure intrecciati) a tenere alta l’attenzione.
C’è poi l’analisi del caso, in cui buona società e torbido si mescolano, in cui doppie vite e scheletri negli armadi abbondano. Ma alla fine è un insospettabile a regalare l’exploit.

Gli autori si sono messi a scrivere per gioco. «Uno dei problemi del giornale quando c’è un delitto è trovare cose da dire - continua Casazza - il primo giorno descrivi, il secondo approfondisci, il terzo riveli qualche particolare e così via chissà per quanto tempo. Così Max ed io abbiamo deciso di scrivere una storia nostra». Oggi entrambi hanno cambiato settore e stile di vita, ma alla cronaca hanno lasciato il cuore: «Sono convinto che fare il giornalista - continua Casazza – soprattutto in un giornale regionale o provinciale, voglia dire fare la nera, perché conosci la città e non puoi rimanere indifferente alle storie che descrivi. Non c'è nulla di più affascinante e struggente». Ma è anche impegnativo: «Quando arriva la telefonata - può capitare in qualsiasi momento, magari alle due di notte - bisogna buttarsi sotto la doccia e uscire. Dopo un po' di anni può risultare pesante».

Ci sono tutte le carte in regola per un sequel. «A dire la verità non ci abbiamo pensato - conclude Andrea – ma in tanti ci hanno fatto questa domanda, i personaggi sono piaciuti. Certo, se ci fosse il tempo».
di Daniele Miggino

Potrebbe interessarti anche: , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin , MiniVip&SuperVip. Il Mistero del Viavai di Bozzetto: il cinema si fa fumetto , Il segreto del faraone nero, una nuova stoccata letteraria di Marco Buticchi , Auguri Andrea Camilleri! Lo scrittore compie 93 anni, la recensione del Metodo Catalanotti

Oggi al cinema

L'ape Maia Le olimpiadi di miele Di Alexs Stadermann, Noel Cleary Animazione Australia, Germania, 2018 Guarda la scheda del film