Concerti Magazine Martedì 26 luglio 2005

Povia: come fanno i bambini?

© www.povia.net
Che Povia fosse l’autore de I bambini fanno oh l’avevamo capito. È apparso in decine di programmi televisivi. È uscito vincitore (senza nemmeno gareggiare) dall'ultimo Festival di Sanremo. Suonerie dei telefonini, remix, adattamenti, miliardi di passaggi nelle radio… e alla fine, un po’ rigonfi, facciamo tutti ohhh! Ora basta, canta qualcos’altro. Detto fatto, perché giovedì 28 luglio Povia sarà sul palco dell’Arena del Mare, al Porto Antico di Genova. Certo il suo cavallo di battaglia non mancherà, ma siamo pronti a goderci il suo Evviva i pazzi, dal quale sono già usciti diversi singoli: Fiori, Zanzare e Tanto non mi cambi, per ricordarne alcuni.

Ha un linguaggio semplice e diretto. «Non uso paroloni che non si capiscono», mi dice a proposito dei suoi testi. Ce l’ha un po’ su con quelli che lui chiama «i gruppi intellettuali» e me li spiega così: «sono quelli che dicono "ora facciamo un tributo al tale gruppo" e chiaramente intendono una cover, e sono gli stessi che chiamano citazione una sonora copiatura».

La scaletta del suo concerto a Genova comprende, oltre ai brani di Evviva i pazzi, quattro inediti che «fanno parte del mio prossimo album, al quale sto ancora lavorando». Farà anche la cover di Gianna (quella del coccodrillo) che «canto meglio di tutti», ammette spudoratamente Povia con il suo accento toscano. Ma poi ride e si capisce che non si prende davvero sul serio.

Non si scherza, invece, con i proventi de I bambini fanno oh. Ogni centesimo guadagnato dai diritti di questa canzone sarà infatti devoluto ad Avamposto 55. Barbara Contini, ex governatore di Nassiriya - oggi inviata del Governo italiano per l’emergenza nel Darfur - seguirà un progetto che prevede la costruzione di una scuola-ospedale in questo territorio dilaniato dalla guerra.

La mia ultima domanda s'insinua un po' nelle intenzioni. Alzi la mano chi non ha pensato, almeno per un secondo, che l'aver presentato in pubblico la canzone prevista per Sanremo non sia stato davvero un gesto maldestro, un errore causato dall'ingenuità, ma piuttosto una trovata pubblicitaria. E invece no: «al Premio Recanati mi richiedevano due pezzi, e mi avevano assicurato che il secondo (I bambini fanno oh, appunto) sarebbe rimasto inedito», mi spiega. La notizia, come succede in questi casi, si è sparsa in fretta e gli è costata la partecipazione al Festival. «Ma va bene così. Chi dice che lo vincevo io il Festival? Magari mi classificavo tra i primi cinque e poi finivo nel dimenticatoio».

I biglietti sono in vendita su

Nella foto: Giuseppe Povia

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

Hannah Arendt Di Margarethe Von Trotta Drammatico Germania, Lussemburgo, Francia, 2012 Scappata dagli orrori della Germania nazista, la filosofa ebreo-tedesca Hannah Arendt nel 1940 trova rifugio insieme al marito e alla madre negli Stati Uniti, grazie all'aiuto del giornalista americano Varian Fry. Qui, dopo aver lavorato come tutor universitario... Guarda la scheda del film