Ciak sui Forti - Magazine

Cinema Magazine Mercoledì 20 luglio 2005

Ciak sui Forti

La nostra invenzione può essere sfruttata per qualche tempo come una curiosità scientifica, ma non riversa nessun interesse commerciale, disse Antoine Lumiére, padre di Auguste e Louis, riguardo al cinema. Le cose non sono andate proprio così: noi amanti della settima arte lo sappiamo bene.
Oggi anche il teatro si ciba di cinema grazie alla compagnia genovese Gli amici di Jachy che, dal 15 al 24 luglio, colorerà la XV edizione di Luci sui forti con La città del cinema, spettacolo itinerante che accompagna il pubblico negli antri di Forte Sperone e che racconta la storia del cinema internazionale.

Gli spezzoni teatrali, la cui regia è firmata da Paolo Pignero, si intrecciano con i balletti coreografati da Paola Grazzi, come è nello stile della Compagnia. Si parte dall’ingresso del Forte, dove l’eccentrico personaggio di Cabaret presenta gli attori che accompagneranno il pubblico lungo il percorso. All’interno della polveriera i bravi Fabio Rivieccio e Marzia Scarfò – che dello spettacolo ha curato anche la scenografia e la piccola “mostra fotografica” allestita lungo il percorso – interpretano La verità, vi prego, sull’amore: i due attori interpretano alcuni brani di film quali American beauty, Via col vento ed Harry ti presento Sally. Il pubblico è partecipe e coinvolto nelle scene, basta mettersi in prima fila e il gioco è fatto. Luca Rinaldi, che ha selezionato i film, interpreta insieme a Pietro Barbieri, Paolo Marcaccini e Daniela Minore Una crisi d’ispirazione: liberamente tratto da Otto e mezzo, narra di un regista diviso tra la confusione del set e i propri intimi turbamenti. La camminata lungo il Forte continua con È solo un film: Mauro Frassinetti ed Enrico Bardelli interpretano Gli ultimi fuochi.
Il percorso prosegue senza code e anche i bambini sembrano divertirsi. Uno di loro, giunto con i genitori al Bar Casablanca - pittoresco spazio-ristoro di Forte Sperone – guarda stupito la scena tratta da Harry ti presento Sally. Quella più famosa. Quella del “finto orgasmo” di Meg Ryan: il bimbo, ovviamente, non capisce ma si diverte.

I genitori possono star tranquilli: lo spezzone tratto da Trainspotting, ad esempio, viene interpretato da Federico Di Stefano nella versione “soft” se nei dintorni ci sono dei bambini: «senza parole e concetti che potrebbero turbare i piccoli», mi spiega l’attore, convincente nel suo ruolo che interpreta vestito da antico romano. D’altra parte in questa “città del cinema” vivono attori che provano le loro parti e che interpretano i film a modo loro. Ma ad attirare maggiormente il pubblico è la galleria dell’orrore: un nome, un programma. E le aspettative del pubblico non vengono deluse: la suspance c’è e si sente. A qualcuno scappa un urlo quando gli attori raccontano la storia di Jack lo squartatore.
Lungo il percorso, poi, si fanno simpatici incontri: Anna Bardelli e Claudio Lavarello sono Hermione e l'attualissimo . Mauro Donnarumma interpreta a modo suo un brano tratto da Effetto Notte. La bella serata termina con i Titoli di coda, la storia del cinema a passo di danza: i balletti si ispirano al Grande dittatore di Chaplin e a Colazione da Tiffany. E poi a La vita è bella di Benigni e all'americano Forrest Gump. Emozionante la parte dedicata a Tarantino e al suo Pulp Fiction.

Costo del biglietto: 10 euro; ridotto (bambini fino ai 13 anni, studenti e Cral Regione): 8 Euro; ingresso gratuito per i bambini fino agli 8 anni.

Lo spettacolo ha inizio alle 21.15.

Come arrivare a Forte Sperone (via del Peralto)?
In macchina. È possibile posteggiare nei pressi del Forte.

Nelle foto: due momenti del balletto finale

Potrebbe interessarti anche: , Cena con delitto: omaggio ad Agatha Christie al cinema , Bohemian Rhapsody: non la solita recensione del film sui Queen , Gli incredibili 2 e Bao ad Annecy 2018 e a settembre al cinema , Ralph spaccatutto: il sequel ad Annecy 2018 e al cinema , Festival di Annecy 2018: vincitori e premi. C'è anche l'Italia