Concerti Magazine Venerdì 15 luglio 2005

Una sera da Cammariere

Se non fosse per te / Cosa avrebbe un senso / Sotto a questo cielo immenso / Niente più sarebbe vero.

Gentilissimi lettori, ve lo ricordate o no ‘st’attacco prodigioso? È Tutto quello che un uomo, di , vincitore di due premi diversi al (a proposito: bentornato, ) e un terzo posto (con Premio della critica) al Festival 2003, vinto quell’anno sventurato dalla non altissima pop singer spezzina .

La sera di Cammariere è iniziata una buona mezz’oretta in ritardo, ma ne è valsa del tutto la pena. Quanto bene suona, quest’uomo? E quanto originale è? Entra, a luci spente, si sedie al piano con l’immancabile sciarpa beige ton sur ton con (ma non è una foto come l’avrei voluta io, e d’altronde quelle ce l’ha soltanto il mitologico Roberto Coggiola [guardate, è ] fotografo uruguagio di Sudamerica, musica e vita, amico di Chico Buarque de Hollanda e non vi dico altro perché sono già abbastanza invidioso io), e parte con una composizione istantanea in cui si sentono di sicuro Beethoven, Chopin, , , Oscar Peterson e qualche diecina d’altri.

La regia dello spettacolo è di , di cui già sapete molto, che è anche direttore artistico delle manifestazioni di Sanremo, in coordinamento con l’assessore Igor Varnero (non ci sono ancora foto sue on line, per cui ).
Il resto (RESTO?) sono stati i due album suonati in ordine sparso, fino al commoventissimo bis di Vita d’artista. Cammariere è un grande, i suoi testi sono del misconosciuto , ma la band che lo accompagna è una bomba. Mentre Sergio chiacchierava con me di come e Schönberg lo hanno portato al jazz, il trombettista cliffordbrowniano e il contrabbassista accoglievano con garbo fan e groupies. «Sì, un po’ si acchiàppa, suonando... », bisbigliava Bosso a mia domanda – e testimoniava la verità dell’antico detto di : «io non parlo di donne. Io parlo con le donne».

Ma l’altra sera, all’arena Carlo Dapporto, Cammariere e i suoi hanno parlato con tutti e cioè, come diceva il divino : “a uomini, donne e neutri”.

Nella foto: Sergio Cammariere

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

La dolce vita Di Federico Fellini Drammatico Italia/Francia, 1960 Roma anni '60. Massimo giornalista di un rotocalco scandalistico, si trova in mezzo ai vizi e scandali di quella che era definita "la dolce vita" dei divi del momento. Guarda la scheda del film