Figaro: il Barbiere in piazza - Magazine

Teatro Magazine Venerdì 8 luglio 2005

Figaro: il Barbiere in piazza

Magazine - Un sentito e doveroso minuto di silenzio dedicato a chi ieri, giovedì 7 luglio, è stato l’ennesima vittima del terrorismo internazionale (a Londra le bombe scoppiate nei metrò e sui bus cittadini hanno fatto morti e feriti nella capitale inglese) ha aperto una serata dedicata all’opera in piazza. Il Teatro Carlo Felice, infatti, ha riservato a Il Barbiere di Siviglia di Gioachino Rossini un palco tra i più suggestivi, con la facciata di Palazzo Ducale quale splendida scenografia naturale. Il pubblico non era però quello compito e silenzioso dei teatri: era per lo più la curiosità ad animare i genovesi presenti in piazza e che, magari, a vedere l’opera non c’erano mai stati.

Un Barbiere di Siviglia anomalo quello che il regista Giorgio Gallione, direttore artistico dell’Archivolto, ha presentato in piazza Matteotti: questa versione del capolavoro rossiniano è stata infatti proposta senza intervallo e senza i recitativi: al loro posto, la voce di , che ha alternato il racconto della storia alle sue battute tutte contemporanee. E così il povero Rossini viene paragonato al dj Francesco: «il celebre compositore ha scritto Il Barbiere in 15 giorni all’età di 23 anni; la stessa di Francesco, che in 15 giorni non riuscirebbe a scrivere neanche un sms».
E così, tra Figaro (interpretato da Luca Salsi) e una Rosina (il mezzosoprano genovese Elena Belfiore) paragonata da Crozza ad Anna Falchi, la serata è terminata tra gli applausi di un pubblico che, sebbene in piedi e – magari - con figli piccoli (e annoiati) al seguito, si è goduto l'intero spettacolo.

Brava l’orchestra di Antonio Pirolli, direttore dell’Opera di Stato di Istambul. Bello il Ducale, illuminato da luci multicolore. Simpatici i costumi, colorati e originali. Un’unica nota stonata: Crozza, che voleva essere l’elemento nazionalpopolare della serata, nel suo ruolo di "disturbatore" ha in parte rotto quella magia che solo il teatro può regalare.

Nella foto Maurizio Crozza

Potrebbe interessarti anche: , Il Coronavirus mette in crisi lo spettacolo dal vivo: Agis a Franceschini «aprire stato di crisi del settore» , Giudizio Universale: la Cappella Sistina secondo Marco Balich , Artisti e progetti vincitori di #UBU40 accanto a quelli di Hystrio, Rete Critica e ANCT , Turandot: la trama dell'opera, tra un principe pirlone e donne con scarsa autostima , Acqua di colonia: il colonialismo italiano secondo Frosini/Timpano

Allerta Coronavirus Attenzione! Se vi trovate in una delle regioni in cui vige l'ordinanza riguardante l'emergenza Coronavirus, ricordiamo che tutti gli eventi in programma dal 24 febbraio al primo marzo 2020, sono annullati. Per ulteriori informazioni è possibile contattare direttamente gli organizzatori dei singoli eventi.