Concerti Magazine Venerdì 8 luglio 2005

Linea 77: a tu per tu con Tozzo

Magazine - Leggi le altre notizie dal mondo della musica su o

I non tengono bene il palco, lo dominano. Un esempio? La loro esibizione al lo scorso 24 giugno. Ancor prima di salire sul palco, il pubblico era già avvolto dalla loro presenza, pronto a saltare all’unisono. Un bel concerto davvero, che ha abbattuto la consueta distanza tra gruppo e pubblico. Il palco non era molto alto e non c’erano ringhiere a separarlo dalla platea. Per tutto il concerto ragazzi in successione hanno continuato a salire sul palco per poi buttarsi su chi da sotto continuava a pogare. Pogo pulito, per il gusto di seguire la musica.

Verso la fine dell’esibizione Tozzo ha accolto alcuni fan che hanno cantato con lui. Nell’esibizione hanno proposto brani dai loro tre album. Il pubblico è impazzito con Fantasma così come Ketchup suicide e molti altri.
Ma questo live vibrava anche di novità: sta per uscire il quarto album dei Linea 77 e loro ci hanno regalato alcuni pezzi nuovi.

Prima dell’esibizione ho fatto una chiacchierata molto allegra con Tozzo, che mi ha parlato di Avaliable for propaganda, il loro nuovo album la cui uscita è prevista per il 23 settembre 2005.

La prima, ovvia, domanda che gli ho fatto è stata di parlarmi dell’album e di spiegarmi in cosa fosse diverso dagli altri ed in cosa invece rappresentasse un continuo. La più grande differenza è il tempo di preparazione. Tozzo mi ha spiegato che Numb ha richiesto due anni e nel disco sono racchiusi diversi momenti di scrittura. Avaliable for propaganda, invece, è stato realizzato in cinque mesi. Suona più diretto, non ci sono abbellimenti o ricerche particolari di suoni. È fluido, scorrevole. Se lo si dovesse catalogare si potrebbe dire che si trova a metà tra Ketchup suicide e Numb.
Il disco è stato registrato a Los Angeles e prodotto da Dave Dominiguez col quale i Linea avrebbero già dovuto lavorare ai tempi di Numb, collaborazione che poi è sfumata.

A proposito di collaborazioni, ho ricordato a Tozzo la collaborazione con i Subsonica, e dopo aver chiesto invano i loro numeri di telefono, gli ho domandato se nel nuovo album c’erano nuovi featuring.
Non ce ne sono. Dodici tracce cross-over di soli Linea 77. Un album pensato e scritto unicamente da loro che sperano di portare anche all’estero come hanno già tentato di fare con Numb, ma con risultati non strabilianti.

Al Play erano presenti gruppi e persone legate al mondo delle etichette indipendenti. Un banchetto offriva la possibilità di barattare cd. I Linea sono sempre stati legati al modo della musica indipendente, tuttavia la distribuzione avviene grazie alle major. Ho chiesto a Tozzo se questo non era in contraddizione con la loro linea di pensiero...
Secondo lui la realtà della musica indipendente rappresenta uno dei mondi più frizzanti e promettenti. Ci sono molte proposte valide, non tutte s’intende, ma molte e si stanno muovendo bene. Per quando riguarda il passaggio attraverso le major è necessario se si vuole avere una distribuzione su scala nazionale.

Certo, la sfera indipendente è composta da uno zoccolo duro che rifiuta il dialogo, ma ognuno è libero di agire come crede. Per quanto riguarda i Linea, accettano un dialogo con le major solo in termini di distribuzione. Tozzo non mi ha parlato nei dettagli del loro contratto, tuttavia mi ha fatto capire che non guadagnano sulla quantità di dischi venduti, quello è affare delle casa di distribuzione. Il vero guadagno lo traggono dai live che sono la loro dimensione, quella più vera e autentica. A qualche compromesso bisogna cedere, ma la possibilità di non piegarsi esiste.

Ho chiesto infine come si relazionano con il pubblico genovese che a volte sembra quasi aver paura di divertirsi. Non hanno avuto questa sensazione i Linea. La risposta del pubblico poco dopo lo conferma. Tozzo ricorda un loro concerto al T.d.N. e di come il pubblico abbia spaccato davvero. Mi racconta poi di come preferiscano esibirsi al chiuso, piuttosto che all’aperto dove tutto è più dispersivo.

Li aspettiamo quindi al chiuso, non importa dove, con il loro nuovo album.



Nella foto: i Linea 77

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

Piccoli brividi 2 I fantasmi di Halloween Di Ari Sandel Avventura 2018 Una vera e propria invasione di mostri. Per una notte speciale - quella di Halloween - la più spaventosa dell'anno, le storie diventeranno tutte reali. Una casa distrutta, due ragazzini in bici, un libro ritrovato. Guarda la scheda del film