Concerti Magazine Lunedì 4 luglio 2005

Estate a Genova: tutti al Museo

Mentre la caldazza umida ci annebbia il cervello ormai da giorni, che solo un mese a Maracaibo potrebbe risollevarci lo spirito, ci ritroviamo - lunedì 4 luglio 2005 (in una hall adeguatamente condizionata) - a leggere il programma estivo dei Musei di Genova. Il titolo è Tra sere e note. Musica, teatro e cinema riempiranno le serate di luglio, agosto e settembre in città. «Un programma di qualità che si abbina all’utilizzo di spazi urbani importanti – dice Luca Borzani – una tipicità genovese che non si limita ad aprire le porte dei Musei, ma trasforma i luoghi di conservazione della cultura in luoghi di incontro e valorizzazione sociale».

Partiamo da Levante. Ha preso il via sabato 2 luglio - presso la - la rassegna di cinema muto . L’affluenza è andata sopra le aspettative, evidentemente il Maciste (con Bartolomeo Pagano) attizza, figurati cosa susciterà Rodolfo Valentino (sabato 9 luglio).
Gli appuntamenti proseguono fino al 6 agosto. Il mese di agosto sarà dedicato al teatro (con un’attrice giardiniera che accompagnerà gli spettatori…) e alla musica, con Nervi Musei in Musica. Siate fiduciosi che arriveranno anche i dettagli.

Ma l’ombelico dell’estate genovese è , dove si susseguono una serie infinita di eventi tra concerti, opere teatrali e spettacoli di strada. Il è arrivato alla dodicesima edizione: qualcosa in più che una conferma. Ma ci sono anche grosse novità: per esempio, il novello Festival della Musica Classica Genovese e il Festival della Musica Ricercata a Palazzo Tursi. Il primo (30 luglio, 27 agosto e 17 settembre) raccoglie molti spartiti inediti del periodo compreso fra Seicento, Settecento e i primi dell’Ottocento. Il senso dell’iniziativa è render noto che – oltre a Paganini e Sivori – Genova ha avuto altri musicisti e compositori di livello europeo. I più “ricercati” invece, avranno il loro concerto venerdì 22 luglio (con le musiche di Galuppi) e giovedì 15 settembre, sempre a Palazzo Tursi, con Il Barocco mediterraneo di Rolf Lislevand.

Palazzo Rosso (che il 30 settembre prossimo aprirà i nuovi spazi recuperati), ospita vari eventi. Mercoledì 6 agosto – alle 21.30 e alle 22.45 – verrà messo in scena Il gatto e l’usignolo, un testo di Michele Serrano musicato da Matteo Manzitti.
Il 23 luglio ci sarà un recital: Bucci in concerto, in cui l’attore Flavio Bucci leggerà passi di Leopardi accompagnato da Stefano Piga al violino. Ancora letture-spettacolo: il 17 agosto Di mille secoli di silenzio, con Francesca Chiocci e Paolo Marcaccini. Il 20 agosto si prosegue con una visita guidata poetica a Palazzo Rosso di Paola Bigatto e Roberta Alloisio.
Sempre a Palazzo Rosso, sabato 16 luglio, è tempo di Rococò, con il concerto dell’Harvey Ensemble. Mentre il 10 agosto, il 3 e il 10 settembre sarà il jazz della Scuola Conte a riempire di note l’Auditorium del Palazzo.

Il 24 settembre - presso Palazzo Bianco - avrà luogo Corpi urbani/Urban Bodies - Festival Internazionale di Danza in Paesaggi Urbani.
Ma torniamo per un attimo a sabato 9 luglio, giorno in cui avrà luogo la festa di Tanabata, dalle 21 presso il Museo Chiossone. Un’antica tradizione cinese, assorbita in seguito dal Giappone (e qui il collegamento con l’…), vuole che le stelle Mandriano e Tessitrice, accecate dall’amore, avessero finito per trascurare i loro compiti. Per punizione vennero divise da un fiume celeste (la Via Lattea) che solo per un giorno all’anno si ritira e li lascia di nuovo insieme.
La festa delle stelle viene celebrata scrivendo i propri desideri amorosi su un pezzo di carta, sperando che si avverino. Domenica 10 luglio (sempre al Chiossone) – alle 17.30 – verranno letti i cartigli giudicati più belli da una giuria di cui fanno parte Claudio Pozzani e Arnaldo Bagnasco. Mercoledì 13, presso Palazzo Ducale ci sarà anche una piccola premiazione dei messaggi più belli (ore 18.30).
Novità! Siccome siamo nel duemila, e la parola cartigli sa di vecchiume solo a pronunciarla, quest’anno si potrà esprimere il proprio messaggio d’amore anche via Sms, al numero 339 8550210.
Digitate gente.

Nella foto: una veduta di Palazzo Bianco presa dalla terrazza di Palazzo Rosso

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

Io sono Ingrid Di Stig Björkman Documentario Svezia, 2015 Uno sguardo dietro le quinte della vita straordinaria di una giovane ragazza svedese che divenne una delle attrici più celebri del cinema americano e mondiale... Ingrid Bergman. Guarda la scheda del film