Concerti Magazine Giovedì 30 giugno 2005

Si fa sol...per ridere!

Si fa sol... per ridere! Non si mangia, ma la musica è ottima. Succede in questi giorni a Bordighera, per questa rassegna che si chiama in genere Bordighera città dell’umorismo, va avanti da 11 anni e nel 2005 ha scelto come tema: musica e umorismo. Nel ’99, quando il tema era: enigmistica e umorismo, aveva partecipato con successo enorme il mio amico Elio Maccario, autore di , dove si spiega che si può insegnare alle medie usando appunto l’enigmistica classica (cioè non i cruciverbi e quèi rob lì da vècchi) e divertendo gli sciamannati.

Quest’anno, dunque, cabaret – e fin qui stiamo nel classico. Fra gli altri, , accompagnato alle tastiere dall’immenso (ecco / la musica è finita / gli amici se ne vanno: era lui, con la Vanoni, a Sanremo, 38 anni fa!) – ma poi soprattutto musica. A giorni, cioè domenica, il leggendario e il 7 luglio addirittura Elio, con Mangoni pronto a insultare il pubblico in nome dell’Ordine degli architetti di Milano, da lui ben rappresentato (ecco, c’è un’ ).

Ma l’altro giorno, amici, un grandissimo concerto di uno che è stato leggenda vivente fin da quando aveva più o meno vent’anni: . Con Checco Loy, nel ’73, si inventarono una via italiana alla West Coast, facendo sbarellare le certezze critiche dei vari Bertoncelli e preti. Poi si è messo in proprio e da allora ne ha fatte di tutti i colori. Per esempio, con , oggi notissimo per via del programma notturno di Arbore, ha cantato La gnosi delle fanfole, cioè le geniali parole senza senso di Fosco Maraini, e di recente ha fatto riscoprire a tutti noialtri il repertorio folto e ignoto della canzone italiana satirica e grottesca, dagli anni Trenta di Rodolfo De Angelis ( ) fino all’amatissimo Bruno Martino, non già con Estate, sei calda come i baci che ho perduto, sei piena di un amore che è passato, che il cuore mio vorrebbe cancellare, che aveva incantato fra gli altri Joao Gilberto, mio maestro, e Chet Baker, ma con le meno celebri, però non meno belle, Sono stanco (la mia canzone!) e Nel 2000.

In mezzo, Altomare, che è alto abbastanza e ha un fisico da quell’ex giocatore di pallanuoto che non è mai stato, recita battute imperdibili di Marcello Marchesi e intrattiene la fitta platea con motti e lazzi da vero chansonnier. L’estate di Bordighera è un po’ meno calda e insomma, sì, peccato che non ci sia niente da mangiare e bere, come domani sera alla festa per i 50 anni di Feltrinelli, a Milano – ma insomma, mica si può aver tutto, no?

Nella foto: Massimo Altomare

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

La donna elettrica Di Benedikt Erlingsson Drammatico 2018 Halla è una donna dallo spirito indipendente che ha superato da un bel po' la quarantina. Dietro la tranquillità della sua routine si nasconde però un'altra identità che pochi conoscono. Conosciuta come "la donna della montagna",... Guarda la scheda del film