Magazine Giovedì 30 giugno 2005

Vendo formaggi e scrivo libri

Magazine - Incontro Claudia per la prima volta a mentelocale cafè. È mora, alta, occhi grandi e scuri. È genovese, ma ha origini greche e sarde. Nei primi mesi del 2006 sarà pubblicato il suo primo libro.
Potrebbe chiamarsi Cose che capitano, «ma non è detto», le hanno fatto sapere quelli della casa editrice Aliberti. A Claudia però non importa. È così contenta dell’imminente pubblicazione, che la questione titolo le sembra assolutamente minimale... e come darle torto.

Claudia Priano non appartiene alle migliaia di italiani - popolo di scrittori, dicono – con un libro nel cassetto. Il suo romanzo non ha fatto il giro delle Case Editrici, perché forse non ci credeva tanto neanche lei.

Ha sempre amato leggere - divora tutto, infatti nelle librerie genovesi la conoscono come una delle migliori clienti - e qualche volta ha scritto racconti che poi regalava ai suoi amici.
Il romanzo invece, è arrivato in un brutto momento. Qualche tempo fa Claudia si ammala e lascia il Teatro della Tosse, dove lavorava con Maria De Barbieri. In casa però si annoia. Leggere non le basta più. Un giorno si siede al suo computer e inizia a scrivere.
Scrive di Teresa, che ritorna a Genova dopo una lunga assenza. Una serie di incontri, di storie che iniziano separate ma che poi alla fine ritornano sulla nostra protagonista.
Dopo soli tre mesi il romanzo è pronto. Le chiedo qualcosa di più, ma Claudia mi spiega che i colpi di scena giocano un ruolo importante, e allora non solo non è lecito raccontarne la fine, ma diventa proprio difficile farvi assaggiare la trama.
Una cosa curiosa è che in questo libro c'è molta musica. Non sono pazza. Claudia mi fa vedere che alla fine di un capitolo, di una storia, o dopo la costruzione di una scena, ci consiglia anche la colonna sonora. «Soprattutto Jazz, il genere che ascolto di più». Un modo originale per sentire la storia in più dimensioni.

Insomma, la malattia prima e il libro poi. La classica tegola sulla testa (come la chiama lei). Quella che quando ti riprendi, e ti guardi intorno, decidi che è il momento di pensare alla tua vita, e cominci a farla girare come piace veramente a te. Certo il destino fa la sua parte, ma scrittori non ci si improvvisa.

Come vi ho già detto il percorso editoriale di questo libro è un po' diverso dal solito. Per primo lo ha letto un amico che ha commentato secco: «Claudia, questo te lo pubblicano». Il passaggio successivo ha visto il romanzo nelle mani di Stefano Tettamanti, socio fondatore della Grandi & Associati, un’ importante agenzia letteraria di Milano, che poi è diventato il suo agente.

Ora non ci resta che aspettarne la pubblicazione, e la distribuzione che avverrà per mezzo della Rizzoli. Nel frattempo l’uragano Claudia non si è fermata: le hanno chiesto l’opzione sul secondo, e lei non se l’è fatto ripetere due volte. Pensa di ritornare al suo vecchio lavoro alla Tosse, intanto però, vende formaggi al mercatino biologico. Per sbarcare il lunario e per stare in mezzo alla gente. E vuoi vedere che tra una formaggetta e un barattolo di miele non t’incontra la protagonista del suo secondo romanzo?

Nella foto: Claudia Priano

di Mina Vitiello

Potrebbe interessarti anche: , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin , MiniVip&SuperVip. Il Mistero del Viavai di Bozzetto: il cinema si fa fumetto , Il segreto del faraone nero, una nuova stoccata letteraria di Marco Buticchi , Auguri Andrea Camilleri! Lo scrittore compie 93 anni, la recensione del Metodo Catalanotti

Oggi al cinema

Piccoli brividi 2 I fantasmi di Halloween Di Ari Sandel Avventura 2018 Una vera e propria invasione di mostri. Per una notte speciale - quella di Halloween - la più spaventosa dell'anno, le storie diventeranno tutte reali. Una casa distrutta, due ragazzini in bici, un libro ritrovato. Guarda la scheda del film