Concerti Magazine Martedì 28 giugno 2005

Silvia Dainese @ Goa-Boa

Inizia oggi una serie di interviste ai protagonisti genovesi del . Ragazzi giovani, musicisti emergenti, che saliranno sul palco insieme alle star. Che sia il famigerato trampolino? Glielo auguriamo. Intanto ci siamo attrezzati per conoscerli meglio. Cominciamo da Silvia Dainese, che aprirà - giovedì 7 luglio - la manifestazione. Stay tuned... domani ci saranno altre novità!


Abbiamo letto tanto di te su internet, scandagliato il tuo , ma chi è veramente Silvia?
«È una ragazza estremamente creativa, diciamo che mi definisco senza essere banale uno spirito libero. Adoro l’arte, infatti dipingo e - chiaramente - adoro la musica, quella altrui ma anche la mia. Cerco di coniugare questo mio sopra citato “spirito libero” anche nel mondo della musica, sfidando in qualche modo i dettami che il business stabilisce».

Quando hai iniziato a fare musica, oltre che ad ascoltarla?
«A diciassette anni ho cominciato a scrivere canzoni: componevo sia i testi che le musiche. Suono la chitarra e canto. Ho da sempre la passione per tutti gli strumenti musicali, specie i più strani, come gli xilofoni giocattolo che si regalano ai bambini. Mi hanno sempre affascinata. Per quanto riguarda le influenze musicali, non ce ne sono ben precise, posso dire sicuramente che Bob Dylan e hanno caratterizzato molto il mio bagaglio musicale, ma oggi ascolto anche i Mum e ! Cerco di influenzare la mia musica solo con me stessa ma ascoltando anche gli altri».

Recentemente hai lavorato a qualche progetto?
«Ho registrato un disco con Lorenzo Corti, chitarrista di Cristina Donà, nonché un grande amico, ho registrato negli studi di Ruggieri a Milano e ho mixato a Correggio nello Zoo Studio di Ligabue. Un progetto decisamente interessante che mi ha cresciuto molto sotto il profilo dell’esperienza».

Fantastichiamo un po’: dovessi portare con te tre album sull’Isola Deserta, quali porteresti? E perché?
«Solo tre? Beh…porterei sicuramente Bonnie Prince Billy con Master and Everyone, perché Bonnie riesce a portarmi in mondi extraterreni con la sua musica, poi sicuramente Pink Moon di Nick Drake, un album che adoro ascoltare da sola, non facendo null’altro che ascoltare le melodie incantatrici di quell’album e infine credo Alanis Morrisette con Jagged Little Pill, a cui sono molto legata. Non potrei fare a meno di almeno altri due, la Sinfonia n.5 di Gustav Mahler e Ok Computer dei Radiohead».

Goa Boa 2005: cosa ti aspetti?
«Farmi ascoltare e suonare, sono le cose che voglio di più. Spero di trasmettere nei minuti in cui potrò esibirmi sul palco quello che è dentro di me e spero che la gente che verrà ad ascoltarmi possa carpirlo».

Giovedì 7 luglio - oltre a Silvia - il prevede l'esibizione di Banshee, Max Gazzè, Roy Paci, Open Season, Sikitikis, X Alfonso, Black Uhuru, Amadou & Miriam.

Roberto Murgieri

Nella foto: Silvia Dainese alla chitarra

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

Risate di gioia Di Mario Monicelli Commedia Italia, 1960 Una notte di capodanno a Roma, Anna Magnani con uno spiumato boa di struzzo, Totò con il suo vecchio frac (e Ben Gazzara, compagno astuto nell’arte di arrangiarsi). Cercano compagnia, cercano d’infilarsi in tavolate che li rifiutano,... Guarda la scheda del film