Magazine Lunedì 27 giugno 2005

La mosca bianca

Magazine - Tempo incerto e spazio incerto. Una città che potrebbe essere Genova, in un futuro non troppo lontano, dominato dalla tecnologia e afflitto da una grave epidemia che miete vittime a livello planetario. Un’atmosfera apocalittica e surreale fa da sfondo al romanzo La mosca bianca di Attilio Sartori (De Ferrari editore, 16 euro), scritto nel 1985.
Philippe, Antonio, Laura e Alberto sono gli amici-protagonisti dalle tragiche storie personali che si intrecciano tra loro con pessimistico realismo, mettendo in evidenza la psicologia e i drammi esistenziali di personaggi ben costruiti che peccano, però, di un eccesso di manicheismo.

Philipe è troppo negativo, Laura troppo positiva, Antonio e Alberto meno definiti ma accomunati da una debolezza di fondo che li spinge ad appoggiarsi a Laura, pilastro del gruppo.
Amore e odio si confondono nel malessere generale di questo mondo dominato dalla follia innestata dal Grande Male, un morbo che, danneggiando l’apparato nervoso umano, sta minando l’ecosistema. L’inquinamento mentale da video e l’iconodipendenza stravolgono le coscienze, la paura per il futuro crea una nevrosi che spinge sempre più persone al suicidio.

Pessimistica anche la visione della politica e del “potere”: di fronte a questo nuovo flagello, il primo pensiero rimane vincere le elezioni e non toccare gli interessi economici dei grandi gruppi. Un mondo alla deriva e senza scampo, dunque, curiosamente osservato attraverso gli occhi di Betsabea, una mosca bianca moribonda che collega le storie e getta una luce inquietante, quasi profetica, su tutta la vicenda.

Un libro agile e ben scritto, disseminato di citazioni letterarie e di riflessioni filosofiche. La trama sembra un pretesto per fare un discorso più ampio sul futuro del mondo e dell’umanità, sugli effetti del progresso, sulle aberrazioni del nostro tempo, sulle debolezze e perversioni della natura umana. Le nostre menti riusciranno a sopportare e ad assorbire il bombardamento tecnologico e mediatico? Riuscirà l’ecosistema a conservare il suo equilibrio? Riusciremo a progredire senza autodistruggerci? Interrogativi ancora attuali ma non più originali. Probabilmente nell’85 questo era un terreno poco battuto, oggi, a distanza di vent'anni, queste argomentazioni sono purtroppo diventate luoghi comuni.

di Laura Calevo

Potrebbe interessarti anche: , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin

Oggi al cinema

Un piccolo favore Di Paul Feig Drammatico 2018 Ho bisogno di un piccolo favore. Mi puoi prendere Nicky a scuola? È questa la semplice, comune richiesta che l'affascinante Emily fa alla sua nuova amica Stephanie, prima di sparire senza lasciare traccia. Mamma single tuttofare, vlogger per passione... Guarda la scheda del film