Concerti Magazine Giovedì 16 giugno 2005

La musica sognante degli Hermitage

Leggi le altre notizie dal mondo della musica su o

La loro è musica sognante. Avvicinatevi ai suoni degli Hermitage e vi sembrerà di volare verso terre lontane, vi sembrerà di entrare in contatto con i vostri pensieri più intimi, vi sembrerà di essere un poco più rilassati nell’enfasi della vita di tutti i giorni.

Il demo Caja si presenta immediatamente bene: tre brani più un’introduzione. Introduzione che, va detto a priori, vanta gli unici secondi vocali presenti in questo lavoro. La scelta del gruppo infatti è quella di affidare il proprio discorso musicale ai singoli strumenti, lasciando che siano essi a parlare, lasciando che siano essi a cantare, lasciando che strofa e ritornello svaniscano suono dopo suono per creare solo allora un tutt’uno sonoro che è più legato di un semplice e banale refrain.

Il discorso vale per Port Davall, splendida canzone nel suo incedere delicato e sognante, come se volesse trasportare l’ascoltatore verso oceani indisturbati dal passo dell’uomo.
A questa delizia di suoni, poi, è d’uopo un’ulteriore precisazione: gli Hermitage sono tutti giovanissimi. Ascoltando questo demo si potrebbe avere la sensazione che a suonare possano essere dei veterani dei palchi, ormai stanchi della vita e demoralizzati nell’animo, e invece è l’esatto contrario. Ragazzi giovani. Ragazzi che hanno saputo trovare la loro dimensione musicale, con tappeti sonori che sfruttano semplici note scaturite da una tastiera unendole a essenziali fraseggi di chitarra. Ragazzi che nel presentare “Glass” riescono a mescolare perfettamente la propria mente con un singolo strumento.

Non banali gli arrangiamenti, assolutamente non banali le canzoni, secondo dopo secondo. Inesperti? Per niente. Anzi, mi stupisco per la maturità raggiunta. Al primo ascolto mi hanno subito richiamato alla mente un altro nome. Un altro gruppo genovese. I Port Royal. Meno elettronici, forse. Però… Post rock, viene definito il genere. Ma non lasciate che un termine limiti il vostro ascolto o vi lasci dei pregiudizi nell’inconscio. Questi ragazzi meritano la vostra attenzione. Anche la conclusiva Cantuaria merita la vostra attenzione.

Se ve li siete fatti sfuggire fino ad adesso, sapete dove trovarli. A Genova. Nei suoi oscuri ma caldi vicoli. A Genova. E se andrete a sentirli dal vivo, provate a chiudere gli occhi. Vi condurranno per mano in posti che, ve lo posso assicurare, meritano di essere conosciuti. E di cui forse neanche sospettavate l’esistenza. La loro è musica sognante.

Tracklist

1. Intro
2. Port Davall
3. Glass
4. Cantuaria

Pazuzu

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

Quasi nemici L'importante è avere ragione Di Yvan Attal Drammatico, Commedia Francia, 2017 Neïla Salah è cresciuta a Créteil, nella multietnica banlieu parigina, e sogna di diventare avvocato. Iscrittasi alla prestigiosa università di Panthéon-Assas a Parigi, sin dal primo giorno si scontra con Pierre Mazard, professore celebre per i suoi... Guarda la scheda del film