Una mostra sui compiti della donna - Magazine

Mostre Magazine Teatro Hops Mercoledì 15 giugno 2005

Una mostra sui compiti della donna

Magazine - Dal 15 giugno al 7 luglio, il Teatro ospiterà, in collaborazione con il Centro Culturale franco-italiano Galliera, un progetto grafico/artistico che si pone a metà tra scrittura e ricerca plastica, con la mostra Tentations et tâches de femmes del poeta Eric Sarner.

Il titolo Tentations et tâches de femmes, (Tentazioni e doveri delle donne), è ripreso da un libro del 1922 nel quale un ecclesiastico francese diffonde, con tono perentorio, i principi di buona condotta e di castigata morale cristiana, ai quali devono attenersi le donne. La storia, l'evoluzione dei costumi e della società hanno mostrato la caducità di tali principi, sia nei contenuti sia nella loro espressione. Il poeta Eric Sarner, autore del documentario su Genova 2004, Gênes un balcon sur la mer, per il programma francese Voyage del canale TMC, ha utilizzato questo libro per compiere un lavoro di ricerca sul linguaggio e sul significato della parola. Le singole pagine del libro sono esposte con parti di testo cancellate da strisce nere coprenti: il testo non ha più nulla da dirci, ha perso il suo valore. L'artista, come il tipografo, "maneggia" la scrittura e lo spazio della pagina: le parole che fuoriescono da queste righe nere diventano, attraverso un gioco dell’artista, altro testo, altra opera. È la cancellazione, la “rimozione” che dà senso al testo.

L'intervento grafico non corrisponde ad una mise en espace di tipo estetico: ciò che conta è la tensione tra ciò che è sbarrato, annullato e ciò che, per deduzione (e sottrazione) è rivelato. Eric Sarner parla del suo lavoro come di una proposta di nuove letture di cose, di luoghi e di persone. Sarner è ora poeta, ora scrittore, a volte autore e realizzatore di film, talvolta performer o giornalista e sociologo. Ha partecipato, senza legarsi in modo definitivo a più scuole espressive, ad una serie di movimenti artistici posteriori agli anni settanta (Fluxus, Happening, Mail-Art, Copy-Art, Polyphonix di Jean-Jaques Label, etc.) La sua opera è sempre diversa: libri, collaborazioni a opere di artisti, mostre, film, oggetti materiali. Incontro con l’autore giovedì 7 luglio alla chiusura dell’esposizione.

Durante il periodo estivo il Teatro h.o.p. altrove ospiterà mostre personali di artisti liguri e non, con la precisa volontà di rivitalizzare la Maddalena, una zona del Centro Storico non tra le più fortunate e per dare voce e spazio a realtà culturali e artistiche che trovano difficoltà a farsi conoscere in luoghi più istituzionali. Inoltre il ristorante del Teatro h.o.p. altrove, solitamente posto al piano superiore della struttura, si trasferisce nella piazzetta antistante l'entrata e propone un menù anche a mezzogiorno. Caratteristica della piazzetta è la tranquillità e la calma. Il dehors del Teatro h.o.p. altrove è luogo ideale per chi considera la pausa pranzo un momento dì tranquillità durante il quale mangiare con calma i piatti del giorno proposti dalla cucina, dalla pasta al pesto alla semplice insalata, con la possibilità di accompagnare il piatto con un bicchiere di vino da scegliere tra quelli proposti nella fornita lista-vini. Nell'attesa di essere serviti sarà, inoltre, possibile consultare liberamente parte delle riviste e del libri di cinema e spettacolo della piccola biblioteca del Teatro h.o.p. altrove e soffermarsi sulle opere di Eric Sarner. Alla sera il Teatro aprirà un'ora dopo il suo consueto orario invernale, alle ore 19.

Ingresso libero
Orari: dal martedì al venerdì dalle 12 alle 15 e dalle 19.
sabato dalle 19

Potrebbe interessarti anche: , Ad Ascona la mostra tematica Arte e Perturbante , Biennale di Venezia 2017: Viva arte Viva. Da Roberto Cuoghi a Damien Hirst , Lucca Comics 2016: Da Zerocalcare a Gipi, fino ai Cosplay , Anime nere: la Calabria tra letteratura e cinema , Addio a Mario Dondero, fotografo del '900 più vero