La fuga di Franco Diogene - Magazine

Cinema Magazine Lunedì 30 maggio 2005

La fuga di Franco Diogene

Magazine - Il 28 maggio 2005 Franco Diogene è morto, e nessuno ne parla. Non un quotidiano, non un telegiornale. Solo (Alberto Puliafito) che ha avuto la fortuna di conoscerlo e lavorarci assieme.

Forse pochi lo sanno, ma è stato interprete in novanta film: Il piatto piange, La liceale, Il giustiziere di mezzogiorno, La Casa stregata, Attila flagello di Dio, Don Camillo, Poliziotti, La Sindrome di Stendhal, per citarne alcuni. Ma uno su tutti ha reso l'attore genovese immortale nella memoria, Fuga di mezzanotte.

A teatro ha debuttato nel 1972 con L’anconitana, al Teatro Stabile di Genova. Con Turi Ferro invece, al Teatro Stabile di Catania, è stato protagonista di L'aria del continente, L'avaro, Il Sindaco del rione sanità, Il malato immaginario, Servo di scena, Pensaci Giacomino, Il Consiglio d'Egitto. Ha lavorato con G.F. De Bosio, A. Calenda, G. Ferro.

Addio, Franco.

Alice Avallone

Nella foto: Franco Diogene

Potrebbe interessarti anche: , Bohemian Rhapsody: non la solita recensione del film sui Queen , Gli incredibili 2 e Bao ad Annecy 2018 e a settembre al cinema , Ralph spaccatutto: il sequel ad Annecy 2018 e al cinema , Festival di Annecy 2018: vincitori e premi. C'è anche l'Italia , L'animazione impegnata al Festival Annecy 2018: da Another Day of Life a Funan