Il Sivori guarda all'Oriente - Magazine

Cultura Magazine Lunedì 30 maggio 2005

Il Sivori guarda all'Oriente

Magazine - Riprende presso il Cinema Sivori l’appuntamento per gli appassionati del grande cinema d’autore con il ciclo Sguardi d’Oriente.
L’appuntamento estivo dei lunedì della Cineteca Sivori organizzati dal Circuito Cinema Genova e Centro culturale Carignano godranno della collaborazione della , Lab ‘80 Film, Cineteca di Bologna e Istituto Giapponese di cultura di Roma.

La rassegna Sguardi d'oriente sarà interamente dedicata alla cinematografia giapponese, che da alcuni anni si è imposta all’attenzione del pubblico internazionale grazie anche a figure di spicco quali , diventato un vero e proprio autore di culto sia in madrepatria che in occidente.
La caratteristica della rassegna, che partirà il 6 giugno e andrà avanti tutti i lunedì fino al 18 luglio, è quella di fare una panoramica a 360 gradi sul cinema nipponico: ci saranno due omaggi al grande autore classico che hanno segnato la strada alle generazioni future Kurosawa. E poi i grandi registi della generazione successiva Mizoguchi e Imamura; non mancheranno i nuovi registi ormai pienamente affermati in madre patria e conosciuti all’estero grazie ai grandi festival internazionali quali Venezia e Cannes: Yanagimachi Mitsuo, Somai Shinji Takita Yojiro e Kitano. E, per finire, non si poteva trascurare il cinema d’animazione che ha avuto, sia in passato sia oggi, un buon successo e un riconoscimento planetario.

Verranno quindi toccati gli anni ’40, ’50 e '60, caratterizzati dalla voglia di rinnovamento e dalla nuova rinascita dopo il periodo di crisi dovuto sia alla diffusione della televisione sia all’invasione del cinema americano a partire dalla fine degli anni '70, che vede rifiorire le piccole produzioni indipendenti dei giovani autori.
Si parte lunedì 6 giugno alle ore 16.00 e 20.30 (ad ingresso gratuito) con i film della nuova generazione: Benvenuti in paradiso di Somai Shinji e, alle ore 18.00-22.30, Piano d’azione di un diciannovenne di Yanagimachi Mitsuo.
Benvenuti in paradiso, datato 1990, è una favola surreale, mentre Piano d’azione di un diciannovenne, tratto dal romanzo breve di Nakagami Kenji e presentato nella sezione Settimana della Critica al festival di Cannes nel 1980, è considerato il capolavoro del regista. Il film affronta il tema della difficile integrazione nella società da parte di una ragazzo che dalla campagna si trasferisce a Tokyo.

Lunedì 13 giugno, ore 16.00 e 20.30, sarà la volta di una serie di classici, tra cui I sette Samurai: uno dei film più noti dell’intera cinematografica giapponese. A seguire (18.00 e 22.30, a ingresso gratuito), Siamo tutti vivi, di Takita Yojiro, del 1993.
Lunedì 20 giugno, ore 18.00, Vita di Oharu, donna galante, di Mizoguchi. Vincitore al Festival di Venezia del 1952, il film affronta un tema caro al regista: il problema della donna nella società giapponese.
Ritornare Ragazzi, terza fatica di Takeshi Kitano, sarà proiettato alle ore 16.00 e alle 21.00. Masaru e Shiniji sono due giovani fannulloni che tornano a visitare la loro vecchia scuola ricordando i giorni in cui erano spensierati studenti.

Lunedì 27 giugno sarà la volta dell’omaggio ai grandi classici dell’animazione di fantascienza a cavallo degli anni ’70 e ’80, con i mitici Goldrake l’invincibile (alle ore 16.30 e alle 20.30) e Jeeg robot d’acciaio alle ore 18.00-22.30.
Lunedì 4 luglio alle ore 16.00 e alle 20.30 sarà la volta di una pietra miliare dell’antimilitarismo giapponese: L’arpa birmana, di Ichikawa Kon (1956). Segue, del grande Imamura, La vendetta è mia, del 1979.
Lunedì 11 luglio toccherà al film che ha segnato l’esordio alla regia di Kurosawa: La leggenda del gran judo, alle ore 18.00-22.30, e La donna di sabbia, di Teshigahara Hiroshi, alle ore 16.00-20.30.

A chiudere il ciclo, lunedì 18 luglio, saranno due film di animazione, Capitan Harlock di H. e T. Mori e Steam boy, di Katsuhiro Otomo.

Vi segnaliamo, infine, la collaborazione con Palazzo Ducale che ospita la mostra : a partire da lunedì 20 giugno per tutti i lunedì fino alla fine della rassegna verranno regalati i biglietti della mostra (fino a esaurimento) a tutti gli spettatori muniti della many movies card, la tessera associativa del cinema. Per chi non avesse la tessera è possibile acquistarla presso i cinema Sivori, Ariston, Odeon e .

Nella foto, Takeshi Kitano.

Potrebbe interessarti anche: , Il futuro delle Ico? Arrivano le Security Token Offering: cosa sono e cosa cambia , Guadagnare online con i sondaggi retribuiti è possibile: ecco come fare , Come fare trading per investire e guadagnare online? I consigli di Ig Markets , SuperMario 24, il pronto intervento in Lombardia per problemi idraulici , Il cibo spaziale, un’eccellenza tutta Made in Italy