Magazine Lunedì 23 maggio 2005

Magris tra i flutti della storia

Sulla copertina del nuovo romanzo di Claudio Magris, Alla cieca (Garzanti, pp. 344, € 18,00), campeggia una polena dagli occhi sbarrati dal vento. E’ il mare, la leggenda e l’amore. E’ la resistenza alla disperazione e alla sconfitta, il senso del mistero, il confine fra verità e menzogna. E’ il simbolo di una storia che va “alla cieca”, metafora di un falso realismo che crede nell’eternità del momento. Non a caso questo cammino è percorso contemporaneamente dal re d’Islanda Jorgensen e dal compagno Cippico, dal rivoluzionario e dal marinaio, dal cybernauta e dall’argonauta capace di amare una donna dai mille volti. L’eterno ribelle, l’ammutinato, l’eretico in balia dei flutti della storia e del tempo, è il protagonista di una vicenda fatta di incastri, come in una serie infinita di scatole cinesi o bambole russe, dove il filo rosso è il sottile legame fra identità e memoria.

Questi temi sono stati affrontanti da Claudio Magris, venerdì 20 maggio, a Sanremo su sollecitazione del giornalista Sergio Buonadonna, nell’ambito dei Grandi incontri a Sanremo, promossi dall’Assessorato alla Cultura della città dei fiori e curati dallo stesso Buonadonna. Raccontando la genesi di Alla cieca, Magris ha evidenziato, tra le altre cose, l’intreccio dei diversi piani del romanzo: «La prima idea del libro è nata nel 1988 ad Anversa dove sono rimasto colpito dalle polene. Ho iniziato a raccogliere storie di mare e di leggende girando musei e cimiteri di polene, come quelli a ovest della Cornovaglia. Nello stesso tempo, però, ho continuato a pensare alla vicenda di Goli Otok, militante rivoluzionario che passa dalle carceri fasciste ai lager nazisti per finire in un gulag per comunisti e stalinisti come lui, dove è costretto a resistere alle torture in nome di Stalin. Mi ha affascinato il paradosso tra il grande abbaglio politico e l’incredibile capacità di sacrificare la propria persona per una causa universale. Successivamente, a Parigi, in una libreria specializzata in testi marini, ho scovato la storia di Jorgen Jorgensen, marinaio danese di fine Settecento e metà Ottocento fondatore di città poi finito tra i reietti. Ho deciso di seguire le sue tracce e sono andato in Tasmania per vedere i luoghi da lui frequentati. Ho poi unito tutte queste storie tramite l’impresa del vello d’oro di Giasone, modernissima operazione di marketing contenente quella contraddizione tra civiltà e barbarie che Pasolini ha espresso in Petronio e in Medea. Gli argonauti, infatti, portano nella Colchide sia la civiltà greca che la violenza. Questa terribile contraddizione si riallaccia poi allo sterminio degli tasmani, simbolo di tante altre vittime». I piani, dunque, si intrecciano: i liberatori e le vittime si scambiano le parti, il sogno di riscatto diventa desiderio di espansione e il vello d’oro si trasforma contemporaneamente nella vela bucata, nel lenzuolo su cui fare l’amore e nella bandiera rossa, perché in Alla cieca nessuna possibilità è preclusa.

Invitandolo a indagare le ragioni del proprio lavoro, Buonadonna ha permesso a Magris di rivelare quell’insopprimibile urgenza di individuare – seppur provvisoriamente – un mondo nuovo e antichissimo dove è possibile esplorare tutte le potenzialità e le contraddizioni dell’umano: dall’amore alla morte, dall’impegno politico alla diserzione e alla fuga. Raggiungendo, così, l’unica certezza possibile: la necessità dei valori, qualunque direzione o colore decidano di assumere.

Mara Pardini
di Francesco Tomasinelli

Potrebbe interessarti anche: , Rosso Barocco, «l'arte può diventare una passione pericolosa»: l'ultimo noir dei fratelli Morini , Superman, a fumetti la storia dei suoi creatori: eroi del quotidiano con il dono di saper far sognare , Il segreto del mercante di zaffiri di Dinah Jefferies, una drammatica storia romantica , Maurizio De Giovanni, Il purgatorio dell’angelo: tempo di confessioni per il commissario Ricciardi , SenzOmbra di Michele Monteleone, un racconto per ragazzi che piace anche ai grandi

Oggi al cinema

Educazione siberiana Di Gabriele Salvatores Drammatico Italia, 2011 Prima della divisione dell'URSS, al confine tra Moldavia e Ucraina, una comunità di "criminali onesti", deportati lì negli anni '30 da Stalin, vive rispettando un codice etico (divieto a qualsiasi tipo di droga e rispetto per gli anziani... Guarda la scheda del film