Magazine Lunedì 5 febbraio 2001

Era post new age: il fantasciamanesimo

Magazine - Una stanza ottogonale, atmosfera tipo castello di Federico II, sto aspettando Cinzia Sibilla, titolare della libreria e della casa editrice. Mi domando se la donna che vedo in una foto, avvolta da un serpente accanto ad un indiano con piffero e cesta di vimini sia lei. Sorride, nessuna paura, nessun ribrezzo. Mah!...
E' lei, e sentendola raccontare del suo lavoro, riesco a capire perché nella fotografia sia così imperturbabile. Cinzia è un flusso inarrestabile di parole, racconti, curiosità.
Come sono nate le edizioni Sibilla?
"Dall'amore per i libri e per la scrittura. Da noi è possibile pubblicare anche solo 50 copie, spendendo dalle 500 alle 800.000 lire, non di più. Voglio offrire la possibilità fantasciamanica a tutti."
Fantasciamanica? Si spieghi meglio.
"Il fantasciamanesimo è la fantasia che è scomparsa nel nostro mondo. E' la creatività, il lato sinistro del nostro cervello. L'arte, la letteratura, fanno parte dell'intelletto superiore, dove il musico trae le sue musiche, il pittore le sue pitture, e via dicendo. Nessuno crea con la ragione, si attinge a qualcosa si superiore, astratto ma vero.
Quando si dice creare dal nulla non si considera la dimensione dello zero. Se hai un debito, uno o sei zeri fanno una bella differenza! E' un nulla che ha un senso, non è un niente. Nessuno è già qualcuno, chiedetelo a Polifemo."
Sensitiva, scrittrice, Cinzia racconta i suoi mille e uno mondi. La libreria, specializzata nel genere etnico, mistico, esoterico, è solo una delle realtà di Sibilla: libri, arte, cultura etnica, centro celtico, oggettistica e altre curiosità. L'intento è sempre lo stesso: "creare un centro permanente a Genova di incontro con gli artisti e di divulgazione del loro pensiero creativo."
Cinzia mi regala un libro Storie di un potere inquietante. Le Streghe. "Le streghe non erano altro che le prime sciamane, medichesse. Faceva paura il fatto che il potere di guarire fosse anche in mano alle donne. E per questo le streghe sono state ingiustamente perseguitate."
Edizioni Sibilla, Salita Pollaioli 12/1, tel. 010-2477652, aperti da lunedì a sabato solo di pomeriggio, dalle 15.00 alle 19.00
Libri, oracoli e talismani, Via Canneto il Lungo 24/A/r, cell. 0347-7624107

di Annamaria Tagliafico

Potrebbe interessarti anche: , Il gioco del suggeritore di Donato Carrisi: intrigante favola nera in bilico tra reale e virtuale , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca

Oggi al cinema

Mia e il leone bianco Di Gilles de Maistre Drammatico 2018 Mia è una quattordicenne che vive in Sudafrica insieme ai genitori. Fin da piccina ha giocato con un cucciolo di leone bianco di nome Charlie costruendo una splendida amicizia con l'esemplare. Un giorno Mia scopre che il padre vuole vendere Charlie... Guarda la scheda del film