Lavorare insieme a GeNova - Magazine

Lavorare insieme a GeNova

Attualità e tendenze Magazine Sabato 7 maggio 2005

Magazine - Oggi, sabato 7 maggio, nell’austera Sala di Rappresentanza della Provincia, si è parlato dei cambiamenti, delle prospettive e del futuro di Genova. A pochi mesi dalla fine del 2004 - anno di svolta per una città che oggi è animata da uno spirito del tutto nuovo - si guardano gli anni avvenire con molte aspettative e qualche timore: «con il 2004 i genovesi hanno ritrovato il gusto di vivere in una bella città», spiega Davide Viziano, presidente di Genova 2004, che ha partecipato alla manifestazione Genova Capitale Europea della Cultura nel 2004 – Primi bilanci di un grande evento, organizzata da La Maona in collaborazione con la Provincia di Genova: «oggi dobbiamo trovare la strada giusta per andare avanti con le nostre forze, come tutte le vere città d’arte sanno fare».

Tante e vincenti sono state le scommesse di Genova nel 2004: dalle mostre (da , alla discussa , fino agli eventi dedicati ai e a Porta Siberia) ai grandi concerti, che hanno visto esibirsi a Genova mostri sacri come ed .
«Genova ha fatto un salto notevole», spiega Mario Botta, l’architetto che ha recentemente restaurato la Scala di Milano. Ma quali sono le prospettive di una città che oggi è più che mai aperta al mediterraneo? «Stiamo vivendo un nuovo rinascimento e a Genova è cresciuto il “bisogno di città”. Si deve giudicare il capoluogo ligure nella sua quotidianità più che negli eventi: la città non è un grande supermercato», aggiunge Botta, che conclude con una battuta sulla nostra amata e odiata sopraelevata: «è stata costruita per risolvere i problemi del traffico, anche se la città funzionava anche senza di essa. E funzionerebbe senza anche oggi. Bisogna correggere gli errori del passato. Genova è importante per i genovesi, ma lo è altrettanto per il mondo».

Secondo l’assessore «Genova è una città da scoprire, e gli eventi sono un accompagnamento. Da quest’anno sarà importante continuare a promuovere la città anche all’estero e offrire nuovi eventi». Come quello dedicato in questi mesi al : «nel 2004 c’è stato l’aumento del 10% del turismo, e del 18% degli arrivi: siamo stati gli unici in Italia a raggiungere queste cifre». Poi una piccola polemica: «gli enti pubblici continuano tutt’oggi a lavorare. Speriamo che cresca ancora l’impegno dei privati. La domenica, purtroppo, i negozi sono chiusi… dobbiamo lavorare insieme per migliorare».

Secondo Renato Barilli, docente al DAMS di Bologna, Genova è stata l’unica città italiana ad essersi davvero rinnovata con l’anno della cultura: «una grande visibilità e molti investimenti. Una città come Bologna, ad esempio, non ha saputo sfruttare l’occasione». Poi anche il professore conclude con un consiglio: «il museo di Villa Croce è insufficiente alle esigenze dell’arte contemporanea: ci vogliono spazi più ampi». Insomma, i genovesi devono rimboccarsi le maniche.
Pierluigi Sacco, docente presso la Facoltà di Architettura di Venezia, ha confrontato le diverse esperienze di Genova e di nei loro ruoli di capitali europee della cultura: «due città diverse dalle diverse filosofie. Entrambe hanno concluso positivamente il 2004. La città nord europea ha puntato per lo più sul rafforzamento della partecipazione popolare all’evento, con molta attenzione nei confronti delle periferie e dei giovani, che hanno collaborato con i circa 17000 artisti giunti in città. Genova, invece, si è concentrata sul suo centro storico e sui grandi eventi».

Viziano rivela infine la prossima uscita di un album che raccoglierà le foto più belle di Genova 2004, e di un volume che fornirà i dati economici dell'evento, «ma sarebbe importante per la città creare un gruppo di qualità che sopravviva al 2004 e che si occupi di comunicazione. Un’agenzia che promuova la cultura e l’economia».

Potrebbe interessarti anche: , Coronavirus, Conte: «proroga delle misure restrittive fino al 13 aprile» , Coronavirus, sì alla passeggiata con i bambini. Chiarimenti sulle uscite , Coronavirus: Inps, come avere il bonus da 600 euro per gli autonomi. Le istruzioni , I contagi si azzereranno forse a metà maggio, tra riaperture e previsioni. Cosa succederà dopo? , Amarone della Valpolicella è l'etichetta di vino più apprezzata della Cina

Sostieni mentelocale.it

Care lettrici e cari lettori, sono quasi vent'anni che mentelocale.it è al vostro fianco per raccontarvi tutto quello che c'è da fare in città.

Stiamo facendo un grande sforzo e abbiamo bisogno anche di voi: attraverso un contributo, anche piccolo, potrai aiutare mentelocale.it a superare questo momento difficile.

La pandemia di Coronavirus ha messo in seria difficoltà il nostro lavoro: gli spettacoli e gli eventi di cui vi informiamo quotidianamente sono sospesi, ma abbiamo deciso comunque di continuare a informarvi su quello che accade e su come fare per superare questo momento storico senza precedenti.

Non vediamo l'ora di essere ancora accanto a voi, quando tutto questo sarà passato, per occuparci di tutto quello che ci rende felici: spettacoli, cinema, teatri, iniziative, passeggiate, cultura, tempo libero, nonché locali e ristoranti dove trascorrere di nuovo una serata con gli amici.

Ne siamo convinti: #andràtuttobene.

Grazie!